I prossimi Kindle? Senza CPU e batteriaVorreste avere tablet e ebook reader sempre più leggeri e sottili ma al tempo stesso dotati di grande autonomia? Sembrerebbe che Amazon abbia la soluzione: device che funzionano senza batteria e senza processore, ricevendo via streaming sia l'energia per funzionare che i dati già elaborati.


Un brevetto particolarmente interessante è stato portato all'attenzione del pubblico in questi giorni. E' stato depositato da Amazon alla fine di settembre e reso pubblico la scorsa settimana e ci svela quella che è la visione del futuro per i device mobili, o almeno per quelli prodotti dall'azienda statunitense. Nello schema si vede un dispositivo mobile che potrebbe essere un tablet ma anche un ebook reader, non è specificato se si tratti di un Kindle o di un Kindle Fire o sia solo un esempio generico.

I nuovi tablet Amazon Kindle Fire HD

 

Secondo il brevetto questo device potrebbe essere alimentato e ricevere i dati elaborati altrove tramite streming wireless, allo stesso modo in cui riceve la connessione, non avendo dunque bisogno di integrare una batteria e nemmeno un processore e trasformandosi così in un semplice terminale di visualizzazione, probabilmente con display touch e un certo quantitativo di storage ma niente di più. L'elaborazione e l'alimentazione via streaming sarebbero fornite invece da postazioni fisse, una sorta di computer con attrezzature adeguate, che potrebbero essere sparsi per il territorio da coprire, una scuola, un campus universitario ma anche una città e gli utenti potrebbero pagare un compenso o avere un qualche tipo di abbonamento, come già accade oggi con gli hotspot WiFi.

In questo modo tablet ed ebook reader potrebbero essere leggeri e sottilissimi ed avere un'autonomia potenzialmente infinita (almeno finché si è nei pressi di uno degli erogatori), ma le potenzialità di questa tecnologia vanno molto oltre perché sono suggeriti anche impieghi per display mobili ultrasottili che possono essere applicati ai vetri delle automobili e, perché no, anche alle lenti degli occhiali, consentendo un accesso facile e veloce a tutti i dati che vogliamo senza bisogno di dispositivi complessi e costosi. Google e Apple sono avvisate.

Via: Mobilegeeks

Commenti