Acer Aspire OneIl produttore taiwanese ha annunciato le proprie stime di vendita per il primo trimestre, relativamente al mercato netbook. L'espansione sui mercato in via di sviluppo e l'abbassamento dei prezzi trainano il successo di Acer Aspire One.

Il netbook Aspire One di casa Acer è riuscito in breve tempo ad imporsi sul mercato internazionale, grazie ad una repentina diffusione capillare nei negozi e nelle principali catene commerciali. Acer è stata fra le prime case produttrici ad introdurre la piattaforma Intel Atom di ultima generazione; la grande campagna mediatica di Intel, i prezzi particolarmente accattivanti proposti da Acer, e la creazione di un dispositivo originale, differente dalla maggiorparte dei modelli sul mercato, hanno contribuito a catalizzare le vendite.

Acer Aspire One

Le stime di Acer per il mese di settembre sono infatti più che entusiasmanti: si parla di oltre un milione di unità distribuite a livello mondiale. Gli osservatori di mercato hanno confermato l'entità del boom , prevedendo per l'intero terzo trimestre il possibile raggiungimento di un volume pari a ben due milioni di pezzi venduti. La strategia di Acer prevede alcune ulteriori "mosse" atte a promuovere la diffusione di Acer Aspire One: in primis, come già abbiamo annunciato qualche giorno fa, vi sarà un taglio dei prezzi e l'introduzione di alcune varianti, per contrastare l'enorme impatto di Asus sul mercato.

Il mercato ancora poco maturo dei paesi in via di sviluppo come l'India, è stato inoltre preso di mira dal produttore di Taiwan. Il futuro prevede infine il lancio di un modello fornito di connettività 3G, nel mercato taiwanese, previsto per il mese di novembre. Acer si avvarrà dei moduli prodotti da Qualcomm, e la nuova versione del netbook verrà distribuita in cooperazione con l'operatore Taiwan Mobile (TWM). Il prezzo di Acer One dovrebbe subire un incremento di quasi 100 dollari per l'opzione di connettività 3G, che potrà ulteriormente lievitare in caso di inclusione di un bundle di servizi con un operatore del settore.

 

Commenti