Home News Acer Aspire V5, recensioni online

Acer Aspire V5, recensioni online

Acer Aspire V5, recensioni in RetePrime recensioni online per il thin&light Acer Aspire V5, un ultrasottile da 11.6 pollici di diagonale, con un buon rapporto prezzo/prestazioni, che costituisce una valida alternativa per chi non voglia rinunciare a stile e performance in mobilità senza dover spendere una fortuna.

Vista per la prima volta al CeBIT 2012 di Hannover dello scorso marzo, la nuova serie Aspire V5 è la proposta di Acer nel segmento degli ultrasottili, ossia quei notebook che, pur non essendo tecnicamente dei veri ultrabook, ne ripropongono in chiave meno esasperata e ad un prezzo inferiore alcune delle caratteristiche chiave.

La famiglia si compone di tre modelli con diagonale rispettivamente pari a 11.6, 14 e 15.6 pollici. I colleghi di Engadget e di Liliputing hanno entrambi pubblicato in questi giorni recensioni complete e approfondite del modello più piccolo, quello da 11.6 pollici che, ricordiamo, ha uno spessore che va da 27 a 20 mm circa con un peso di 1.38 Kg. Il portatile, oltre ad avere un display con risoluzione HD da 1366 x 768 pixel, è dotato anche di processore dual core Intel Ivy Bridge Core i5-3317U da 1.7 GHz con sottosistema grafico HD 4000 integrato, di 6 GB di RAM e di un hard disk tradizionale da 5400 RPM e 500 GB di capienza. Le due recensioni sono sostanzialmente allineate.

Acer Aspire V5

L'Aspire V5 è un device economico e come tale non offre un design o materiali particolarmente raffinati, pur risultando ovviamente sufficientemente gradevole. La scocca è interamente in plastica, anche se il lid ha una finitura simil-alluminio spazzolato ma, nonostante il materiale, è sufficientemente solida. E' apprezzabile però la possibilità di sostituire la batteria e il parco connessioni è molto completo, comprendendo 2 porte USB 2.0, una USB 3.0, un'uscita video digitale HDMI, una analogica VGA, un jack audio combo per microfono e cuffie, un plug RJ-45 per la Ethernet LAN e un aggancio di sicurezza Kensington.

Allineamento di giudizio anche per quanto riguarda la tastiera, con layout di tipo chiclet ad elementi isolati, che è risultata ragionevolmente comoda da usare tenendo presenti le dimensioni estremamente compatte del portatile. Qualche divergenza invece sul touchpad, che non ha soddisfatto completamente i colleghi di Engadget, che l'hanno trovato poco reattivo e fluido, mentre Liliputing non parla di alcun problema di funzionamento e si limita a specificare che, date le dimensioni del portatile, non offre una superficie tale da risultare particolarmente comodo, ma fa comunque il suo lavoro. Del tutto sovrapponibili invece le valutazioni in merito alle prestazioni.

L'Acer Aspire V5 offre una CPU Intel Core i5 di ultima generazione sufficientemente potente, coadiuvata per di più da 6 GB di RAM, cosa che gli permette di svolgere in scioltezza non solo tutti i più comuni task domestici ma anche alcune attività professionali come ad esempio l'editing video. Il sottosistema grafico Intel HD 4000 inoltre assicura buone prestazioni in ambito multimediale, anche se ovviamente non consente di giocare con gli ultimi titoli videoludici.

Il sottosistema di storage invece, benché capiente, è ovviamente limitato nelle prestazioni dalla sua bassa velocità di rotazione ed è lontano dunque dalle performance degli ultrabook dotati di unità SSD. Senza infamia né lode il display, il cui pannello LCD rientra nella media in tutti i suoi parametri senza brillare in nessuno, così come l'autonomia offerta dalla batteria a 4 celle da 2500 mAh e 37 Wh che si è attestata rispettivamente a 3 ore e mezza e a 4 ore e mezza nei test di Engadget e Liliputing, una durata media, che comunque non consente di coprire un'intera giornata lavorativa.

Purtroppo inoltre Acer non ha a listino per l'Aspire V5 batterie più capienti. Tutto sommato comunque, a un costo di circa 500/550 dollari, l'Acer Aspire V5 offre un'alternativa soddisfacente ai più performanti e curati, ma anche molto più costosi ultrabook. Design, materiali e autonomia non saranno quelli di un utrasottile ben più caro infatti, ma si può contare su un ottima dotazione di porte e su una piattaforma ben equilibrata e in grado di affrontare un po' tutti gli scenari quotidiani, il tutto racchiuso in un portatile comunque leggero e compatto.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy