Home News 40 Ultrabook Touch entro dicembre

40 Ultrabook Touch entro dicembre

40 Ultrabook Touch entro dicembreNel corso dell'"Intel Ultrabook Simposium", sono emerse alcune interessanti informazioni sugli ultrabook touch, sui prezzo e sul rapporto di Windows 8 con tutti i dispositivi di Santa Clara.

A Taipei (Taiwan), da qualche ora, si parla di ultrabook nel corso del corso di Intel Ultrabook Simposium, dove gli operatori del settore si riuniscono per discutere degli ultimi sviluppi su questa nuova cateogria di prodotti. Questa è la seconda riunione annuale, che in realtà si svolge contemporaneamente in due luoghi e Shenzhen è il secondo per la forte presenza di produttori di componenti. Uno degli obiettivi del Simposium è quello di promuovere le nuove tecnologie, lo scambio di idee ed il loro inserimento in nuovi prodotti.

Asus Taichi

I colleghi di NBN hanno avuto l'opportunità di incontrare Navin Shenoy, vice presidente di Intel Architecture Group e General Manager della Mobile Client Platform, che ha aperto la conferenza focalizzando l'attenzione degli operatori su più temi "caldi", che cercheremo di riproporvi qui sotto:

140 Ultrabook Design e 35 modelli sul mercato
Shenoy ha confermato che la nuova categoria è alimentata da 140 Ultrabook Design, di cui 35 raggiungeranno il mercato. La prima vera ondata di ultrabook è avvenuta con l'introduzione di Ivy Bridge, a giugno, mentre i primi modelli con Sandy Bridge hanno rappresentato solo un assaggio, l'anticamera di un successo. Il trend continuerà a crescere sia ad agosto per il "back to school" sia a dicembre, per lo shopping natalizio.

Ultrabook a 699 dollari
Abbiamo già iniziato a vedere sul mercato ultrabook ad un prezzo di 699 dollari, come ad esempio Dell Inspiron 14z con processori Sandy Bridge, ma il prossimo mese il taglio dei prezzi coinvolgerà molti più modelli per spianare la strada agli Ultrabook con Windows 8 e ai prossimi Ultrabook Touch.

40 Ultrabook Touch con Windows 8 nel Q4
E' la mossa più logica per Intel e Microsoft nell'immediato. Entro la fine dell'anno, possiamo aspettarci l'arrivo di almeno 40 ultrabook con display touch, anche se il loro successo dipenderà molto da quello di Windows 8.

I processori di 4a generazione porteranno i SoC nei PC
Ivy Bridge è ormai una realtà, ma Intel lavora già a pieno ritmo sui processori di prossima generazione, Intel Haswell. Il processo produttivo a 22nm sarà il primo SoC per PC, che in idle consumerà 20 volte meno di Ivy Bridge. Haswell non offrirà un guadagno di prestazioni, ma rappresenterà comunque un enorme passo avanti.

Atom e netbook?
Atom sarà il processore di riferimento per tablet, smartphone e, naturalmente, ancora netbook. Intel non ha intenzione di abbandonare la famiglia di CPU Atom perchè riesce ad offrire bassi consumi e piccoli prezzi.

L'importanza dei device ibridi
Uno degli argomenti centrali del convegno sono gli ibridi e gli ultrabook convertibili. Questa categoria di prodotti è molto importante non solo per Intel, ma anche per Microsoft. Entro la fine dell'anno avremo sul mercato una dozzina di modelli convertibili con Windows 8. Si parla soprattutto di ultrabook business-oriented e si cita esplicitamente Lenovo, HP e Dell.

Commenti (4) 

RSS dei commenti
Sto sbavando,letteralmente,20 volte in meno come consumi comunque mi sembra esageratamente positivo come valutazione,ma se fosse così..sarà la carta vincente per dirigere i consumatori verso questa categoria di prodotti...mi auguro anche che i produttori adattino le risoluzioni dello schermo,non se ne può più della classica res 1366x768  
Greg7

Greg7

agosto 01, 2012

non sono un fan del touch sugli ultrabook, ma mi rendo conto che con windows 8 alle porte sia diventato una necessità
sono ancora più scettico quando il touch è fine a se stesso, un semplice pannello capacitivo su un portatile clamshell, almeno un design tablet-convertibile ti consente di usarlo come un grosso tablet..
vedremo
 
Dgenie

Dgenie

agosto 01, 2012

A chi pensano di venderli? La crisi sta peggiorando (anche in america) e per fare tutto tranne gaming i vecchi notebook vanno ancora bene.
Già la prima ondata di ultrabook non ha avuto il successo sperato...adesso che la situazione è peggiorata immagino quanti modelli finiranno fra le mani dei consumatori...  
Gheppio

Gheppio

agosto 01, 2012

ciao Gheppio, eh ma infatti i nuovi mercati emergenti sono tutti fuori da UE e USA smilies/smiley.gif
e vanno fortissimo: Cina, Brasile, India non avranno difficoltà ad assorbire le nostre quote di mercato ed anche più  
Dgenie

Dgenie

agosto 01, 2012

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy