Home News Il tablet Google slitta a luglio

Il tablet Google slitta a luglio

Il tablet Google slitta a luglioContinuano i rumor sul Google Nexus Tab. Questa volta le indiscrezioni riguardano la probabile data d'esordio, non più in "primavera" ma a luglio. Probabilmente lo slittamento determinerà un abbassamento del costo di vendita, dai 249 dollari ai 199 voluti dall'azienda di Mountain View.

Questa volta sono i colleghi di The Verge a proporre una nuova indiscrezione sul futuro tablet Google, ma anche questa volta i dubbi sollevati dal nuovo indizio superano le certezze. Secondo queste ultime voci di corridoio, Google e il suo partner Asus avrebbero rinviato la data d'esordio del Nexus Tablet al prossimo luglio, circa due mesi dopo la precedente data di maggio. Una conferma, in tutta questa storia, sembrerebbe finalmente esserci: tutti gli esperti danno ormai per certo che il tablet Google sarà realizzato da Asus e sarà proposto con entrambi i brand. Meno chiaro resta però quale sarà il modello cobrandizzato che diverrà il Nexus Tablet.

Come ricorderete, in passato, si è spesso ipotizzato che il Nexus Tablet sia in realtà il tanto atteso, e altrettanto sfuggente, Asus Eee Pad MeMo ME370T. Se fosse realmente questo sarebbe pronto a debuttare a maggio, ma il suo prezzo si attesterebbe attorno ai 249 dollari, troppi per l'azienda di Mountain View, che ha in mente piuttosto un device che possa competere con Amazon Kindle Fire, Barnes&Noble Nook Tablet e, magari, anche col presunto Apple iPad Mini, a 199 dollari.

Asus Eee Pad MeMo 370T

Il rinvio dunque sarebbe da imputare proprio all'intenzione di riprogettare alcuni particolari per abbassare il costo dell'attuale tablet. Ma come? Questo ancora non si sa. Eee Pad MeMo potrebbe perdere qualcuna delle sue caratteristiche, ad esempio il comando remoto MeMic, la fotocamera posteriore da 5 megapixel, o ancora il modulo 3G o forse tutte queste. Inoltre non è ancora chiaro se a muoverlo sarà il SoC Nvidia Tegra 3 o il precedente Tegra 2. Cambiamenti di questo tipo comunque snaturerebbero Asus Eee Pad MeMo e come si metterebbe con il co-branding?  Ci sarebbero due versioni dello stesso tablet, una più ricca e costosa marchiata Asus e una più spartana ed economica proposta da Google sul proprio Marketplace? O Asus accetterà una revisione al ribasso del proprio device?

Il mistero resta intatto. Ciò che è sicuro comunque è che il rinvio non è dovuto alla volontà di equipaggiare il Nexus Tablet con la prossima versione Android 5.0, Jelly Bean. Eee Pad MeMo è infatti pensato per essere compatibile con Google Android 4.0 Ice Cream Sandwich e un eventuale adattamento al futuro sistema operativo imporrebbe una riprogettazione più profonda, che richiederebbe ben più di due mesi per essere portata a termine. La storia infinita dunque continua e sicuramente ci saranno altre puntate che, speriamo, possano aiutare a risolvere l'ingarbugliata situazione attuale. In ogni caso la strada del co-branding avrà una ricaduta positiva per Google, che potrebbe presto veder arrivare altri partner, oltre ad Asus, per la realizzazione del Nexus tablet, tra cui Samsung e Acer.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy