Home Articoli Skype Everywhere, dal PC al cellulare

Skype Everywhere, dal PC al cellulare

Skype EverywhereEnrico Noseda, Director of Market Development per l'Europa, ci illustra le fasi fondamentali della strategia Skype Everywhere, che ha portato Skype dal PC sul telefono.

Come utenti Skype, apprezziamo la facilità con cui scambiamo messaggi privati con amici e colleghi, la possibilità di aprire conference call o semplicemente quella piccola, ma utilissima, caratteristica che è il resume nel trasferimento file. Vi siete mai chiesti, però, com'è nato questo servizio, quali obiettivi si prefigge e dove vuole arrivare?

Image

Abbiamo rivolto queste ed altre domande ad Enrico Noseda, Director of Market Development per l'Europa presso Skype.

1) Per tutti Skype è sinonimo di VoIP, ma qual è stata l'origine di questo fenomeno?

Skype nasce 5 anni fa come servizio di comunicazione peer-to-peer. Si trattava di qualcosa di rivoluzionario, perché per la prima volta si offriva la possibilità di fare conversazioni voce a distanza attraverso la Rete in modo gratuito. Prima di allora, qualsiasi comunicazione vocale a distanza era una telefonata e quindi era a pagamento.

Al servizio si accedeva tramite una interfaccia utente che ruotava attorno ad una buddy list: si creava una lista di contatti che poi l'untente poteva chiamare cliccando su un bottone.

Nel corso degli anni, però, Skype s'è completamente rivoluzionato. Quella sua funzione originaria resta sempre il cuore del servizio, si può ancora aggiungere amici alla propria buddy list e parlare gratis, ma attorno a questo nucleo sono andati aggregandosi nuovi servizi in modo esponenziale.

2) Cos'è oggi Skype?

Oggi Skype è molto più: un sistema di messaging, un sistema multichat che supporta fino a centinaia di persone, conference call fino a 25 persone (ma il limite sale a 500 persone se si compra una applicazione esterna), video chiamate in alta qualità gratuite (ad un livello che raggiungi solo spendendo decine di migliaia di euro con sistemi professionali), e un sistema di trasferimento file di qualsiasi dimensione.

Il servizio di file transfer non è conosciutissimo ma risolve un gran numero di problemi. Pensate ad esempio alle agenzie creative o agli architetti che hanno disegni che occupano centiaia di megabyte di spazio. Con skype possono inviarli con un click, mentre prima erano costretti a copiarli su disco e a spedirli.

Vi fornisco un po' di numeri: 405 milioni di utenti registrati, ai quali si aggiungono i 35 milioni dell'ultimo trimestre, 16 milioni di utenti in contemporanea nello stesso minuto, 551 milioni di dollari di revenue.

Skype è una azienda profittevole da 2 anni; in un periodo in cui il resto del mercato si sgonfia noi cresciamo del 44%!

Ogni giorno acquisiamo 360 mila utenti registrati nel mondo, cioè 1 milione di persone ogni tre giorni. Per intenderci, stiamo parlando di un Paese come l'Austria ogni due settimane! Sono dati impressionanti se si considera il livello di penetrazione che abbiamo acquisito: certe cifre non sarebbero state stupefacenti tre anni fa, quando avevamo 50 milioni di utenti, ma oggi, con 405 milioni di utenti è sorprendente che si riesca a tenere un simile tasso di crescita!

3) Come si è arrivati alla versione 4.0 di Skype e quali sono le sue principali novità?

Skype è cambiato radicalmente, per questo s'è resa necessaria una rivisitazione della UI. Ci rendevamo conto che la maggior parte dei nostri utenti non conosceva altri servizi se non quello delle chiamate gratuite. Nasce così la versione 4.0 che abbiamo appena presentato, per consentire di fruire di tutta la nostra offerta in una maniera semplice ed immediata.

Image

Il cambiamento di interfaccia con Skype 4.0 si accompagna a due ulteriori elementi di novità.
Abbiamo innanzitutto migliorato la qualità dell'audio, adottando un nuovo codec che si chiama Silk. E' stato sviluppato interamente all'interno dell'azienda perché la qualità dell'audio (così come quella del video) è il principale elemento di vantaggio di Skype.

Un paio d'anni fa abbiamo acquisito una società che si chiama Camino Networks negli States, con una filiale in Svezia, e che si occupa di tutta la parte audio. C'è un grandissimo focus su questo elemento, e per questo vogliamo avere una tecnologia proprietaria.

Silk è il nuovo codec che, insieme al gestore della banda (bandwidth manager), permette di avere una qualità wideband 16kHz occupando la metà della banda di prima. Bisogna considerare che 16KHz è il massimo di qualità raggiungibile oggi da cuffie anche di alto livello, mentre i 24kHz super wideband possono essere raggiunti a livello hardware solo da apparecchi sofisticati che stiamo progressivamente certificando.

La qualità dell'audio nel super wideband è quella di una conversazione dal vivo. In base alla qualità audio, potremmo fare questa classificazione:

  • Telefonata PSTN
  • Telefonata Skype pre-Silk
  • Telefonata Skype con Silk
  • Telefonata Skype con Silk e gli apparecchi giusti

Il secondo elemento è il video. E' un altro aspetto sul quale stiamo puntando moltissimo. Oggi il 25% delle chiamate Skype2Skype è su video. Si tratta di numeri impressionanti se si pensa che nell'ultimo quarter abbiamo fatto 20 miliardi di minuti di telefonate Skype2Skype. Di questi, 5 miliardi sono video, e questo dato ci dice quanto sia importante il video per la nostra base utenza, quanto video stia emergendo come forma di comunicazione nuova di fatto.

Image

Il video nella release 4.0 è completamente integrato. Significa che prima dovevi attivare il video, poi se volevi chattare dovevi togliere il video, mentre ora è molto più usabile, puoi mandarlo fullscreen, ridimensionarlo, e continuare a muoverti liberamente sull'interfaccia.

4) Skype si sta muovendo verso il settore mobile. Quali sono le ultime tappe di questa evoluzione?

Faccio una breve premessa. Skype è nato sul PC, come software che scarichi su un computer per fare delle chiamate. Immediatamente, però, ci si è posti il problema di come portare questo tipo di esperienza a quelle persone che non hanno un computer o non lo sanno usare.

La risposta è che possiamo arrivare a quelle persone solo con dispositivi che non sono dei PC, e quindi abbiamo iniziato a lavorare su una serie di device.

La prima cosa che abbiamo fatto in partnership con Sony e altri, come Plantronics per le cuffie e Logitech per le webcam, è stato un telefono cordless di quelli casalinghi la cui base si interfaccia con la USB del PC. In questo modo hai in mano il tuo cordless in giro per casa ed una base collegata al PC.

E' stato il primo passo verso quella strategia che chiamiamo "Skype Everywhere".

La fase seguente è stata quella dei prodotti embedded, quindi Skype precaricato direttamente sui terminali. Parlando di cordless, ad esempio, c'è un telefono Philips con dentro Skype in grado di gestire tanto le chiamate PSTN con operatore tradizionale quanto le chiamate Skype. Non c'è bisogno di un PC ma è richiesta solo una rete a banda larga collegata alla base, in parallelo alla linea telefonica tradizionale.

L'utente, che a casa ha questo telefono, ha tre possibilità per fare una chiamata: selezionare un utente Skpye, cliccare e parlare gratis come se fosse su un PC, oppure comporre un numero di telefono, cliccare OK e scegliere se chiamarlo tramite carrier telefonico o con Skype.

Lo step successivo è stato quello dei WiFi phone. Assomigliano molto a telefoni cellulari che, però, non si collegano alla rete GSM ma hanno solo funzionalità WiFi e Skype embedded.

Sono esempi che oggi ci fanno sorridere perché il mondo è cambiato, e con lui il modo di comunicare. Molto più vicino all'attuale concezione di mobilità è invece Skype for Windows Mobile. La versione di Skype per l'OS compatto di Microsoft è nata molto presto, oggi siamo alla versione 3.0 beta, e si è trattato di un grande successo: l'applicazione è stata scaricata 11 milioni di volte ed abbiamo anche vinto un premio per il software mobile con il maggior numero di download.

Skype for Windows Mobile permette di fare tutto, garantendo una full experience Skype sui telefoni e sui palmari equipaggiati con Windows Mobile.

Il passo successivo è stato Skypephone, frutto di un accordo con 3 Hutchison per essere presenti in tutti i Paesi in cui operano con un terminale dedicato. E' un normalissimo telefono 3G con Skype dentro. Skype è completamente integrato e completamente gratuito. Per fare chiamate Skype2Skype illimitate o anche chiamate Skypeout non devo fare altro che cliccare su un bottone, aprire Skype, ed accedere a tutti i miei contatti, gli stessi che ho sul PC.

Di questo oggetto sono stati acquistati 500.000 pezzi, rendendolo uno dei prodotti più venduti nell'area prepagata per Hutchison mondo. Inoltre il 79% degli utenti che lo hanno comprato erano nuovi utenti 3.

Il nostro excursus si conclude a poche settimane fa, con un importante annuncio al Mobile World Congress: Skype ha concluso un accordo con il principale produttore di handset al mondo per essere presente sulla sua serie N preloaded. Il lancio avverrà nel Q3, quindi dopo l'estate, quando potremo finalmente usare Skype preinstallato sui terminali della serie N a partire dal modello N97 che è il prodotto di punta di Nokia.

Image

Chi comprerà un Nokia N97 avrà dentro Skype con tutte le sue funzionalità, in WiFi o in 3G.
E' un passaggio fondamentale verso la realizzazione della strategia Skype Everywhere. Pensate che nel mondo ci sono 4 miliardi di telefonini e solo 1 miliardo di utenti Internet.

5) E per chi ha un altro smartphone?

Oltre Skype for Windows Mobile, sul nostro sito c'è l'ultima release di Skype Lite.
E' un thin client che gira su circa 200 terminali Java e Android di tutte le marche principali e consente anch'esso una completa esperienza Skype: chat, chiamate Skypeout, chiamate in entrata, SMS...

Il modello non è gratuito, le chiamate Skype2Skype hanno un costo anche se limitato ad una frazione di quello che costerebbe normalemente la telefonata.
Per questa ragione, tipicamente questo servizio viene usato da chi effettua chiamate internazionali.

Il meccanismo è abbastanza complesso, anche se la consumer experience è semplicissima: scarichi Skype Lite sul cellulare, apri la buddy list, clicchi sull'icona di un contatto e lo chiami, oppure se vuoi chiamare un numero in Australia, basta comporre il numero e far partire la telefonata.

Quello che succede dietro è questo: stai effettuando una chiamata locale, sulla quale poi si innesta una chiamata Skype diretta all'estero. Per la chiamata internazionale il sistema è identico: parte una chiamata locale sulla quale si inserisce una chiamata internazionale Skype al prezzo di 2 centesimi al minuto. La chat costituisce, invece, traffico dati.

Le motivazioni sono varie. Il traffico dati oggi è ancora costoso ed una chiamata locale in traffico dati non conviene rispetto ad una chiamata tradizionale, a meno che non sia una chiamata internazionale. In quest'ultima ipotesi, poi, c'è comunque un risparmio rispetto al traffico dati, perché stai facendo una chiamata locale ma stai chiamando un amico in Australia.

C'è anche un altro elemento da considerare: in Italia il 3G ha una buona copertura, ma è una eccezione. In Inghilterra, Paese in cui vivo, non c'è una copertura altrettanto capillare ed il traffico dati non è buono come quello italiano, quindi una chiamata vocale su rete dati comporterebbe non poche difficoltà.

6) L'arrivo del WiMAX porterà parecchia banda in più; come prevedete di utilizzarla?

Il nostro obiettivo è quello di ridurre sempre più la banda impiegata e non di aumentarla!
Comunque a beneficiare di un ampliamento di banda sarebbe innanzitutto il video. Allo stato attuale le Reti sono sufficientemente veloci per garantire la presence, la chat, la chiamata (25MB all'ora), ma il video già occupa più banda.

Quindi sui dispositivi mobile più evoluti riesci a raggiungere una esperienza voce appagante, mentre sul video non ci siamo ancora.

Oggi la full experience video con Skype è assicurata solo sui MID di Intel. Abbiamo raggiunto un accordo con Intel qualche mese fa per Skype preinstallato sui loro MID. Questi apparecchi vanno sia in 3G che in 4G, riuscendo ad assicurare un'elevata qualità video.

7) Girando per gli stand del CeBIT 2009, abbiamo potuto vedere i primi esemplari di Asus Eee Videophone con Skype integrato. Di cosa si tratta?

E' un altro step importante nella nostra strategia Skype Everywhere, che potremmo idealmente posizionare fra il cordless embedded e gli smartphone con Skype, ma solo perché non è 3G. Si tratta di un apparecchio indirizzato essenzialmente ad un uso casalingo o d'ufficio, con una eccezionale qualità video.

Image

L'obiettivo, ancora una volta, è uscire dai PC ed entrare nelle famiglie e negli uffici con degli strumenti ancora più immediati e semplici da usare.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy