Home News Samsung vs Apple: la sentenza è vicina

Samsung vs Apple: la sentenza è vicina

Samsung vs Apple: la sentenza è vicinaGiovedì scorso, si è conclusa l'ennesima udienza del lungo processo che vede "in guerra" Samsung ed Apple per la violazione di alcuni brevetti. Il giudice Lucy Koh, già infastidito dai ritardi dei legali di Apple nel presentare testimoni all'ultimo minuto ed un fascicolo di 75 pagine con obiezioni, ha fortemente criticato la strategia di Samsung che non ha "gestito correttamente il suo tempo".

Dopo tre settimane di udienze, nella corte distrettuale di San Josè, in California, la fatica e l'irritazione si fanno sentire. Il processo è ormai alle ultime battute: Samsung ed Apple hanno ancora poco tempo per presentare testimoni e argomentazioni valide, e il giudice Lucy Koh sottolinea "l'errore strategico" dell'azienda sud-coreana che perde troppo tempo ad interrogare i testimoni contro Apple sottraendo ore preziose alla sua difesa. Risultato: nell'ultima udienza, Samsung ha potuto argomentare per solo un'ora e mezza rispetto alle 25 ore destinate inizialmente, mentre Apple per 6 ore, consentendo agli avvocati di chiamare nuovi testimoni.

Apple vs Samsung

Samsung, dunque, non ha più tempo per difendere la sua posizione. "Samsung ha deciso stretegicamente di spendere più tempo nel contro-esame", ha detto Lucy Koh. "Entrambe le parti hanno fatto dei grossi errori di valutazione, che hanno compromesso il processo". Koh ha cercato più volte la mediazione, invocando la pace ed un accordo prima della sentenza finale, ma invano.

L'azienda di Cupertino, invece, è riuscita ad interrogare sei nuovi testimoni in due ore di udienza, Paolo Dourish, Tony Givargis e Mani Srivastava, tre esperti chiamati nel tentativo di dimostrare che due brevetti Samsung (la riproduzione di Mp3 e lo scorrimento delle immagini scattate con il proprio smartphone) sono obsoleti. Hyong Kim, professore alla Carnegie Mellon University, nel frattempo ha tentato di minare gli attacchi della società sulla tecnologia 3G. Infine Tony Kim e Emilie Blevins, due ex dipendenti di Apple hanno mostrato alla giuria dei video didattici su alcuni elementi di iOS.

Apple ha ancora 4 ore per la sua difesa, tempo che impiegherà per interrogare altri testimoni. I legali della Mela Morsicata hanno presentato un documento di 75 pagine con obiezioni. La vicenda ha fatto perdere la pazienza al giudice, con l'ormai nota frase "vi fate di crack?".

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy