Home Recensioni Recensione smartphone borderless Bluboo S1

Recensione smartphone borderless Bluboo S1

Recensione di Bluboo S1Bluboo S1 è uno smartphone di fascia di prezzo 150-200€ che cerca di affermarsi nell'affollatissima categoria dei bezel-less su tre lati sul modello del Mi Mix. Punta su una ergonomia soddisfacente e su un comparto fotografico sopra la media, ma come uscirà dalla nostra sessione di test?

I canoni estetici per gli smartphone in questo 2017 sono dettati dall’assenza di cornici e dalla predominanza di schermi ampi ma al contempo maneggevoli. Bluboo S1 è il bezel-less medio di gamma dell’azienda cinese che non solo è economico, ma terribilmente bello e funzionale.

Bluboo S1 è uno smartphone bezel-less su tre lati 

Non nasconde la tendenza modaiola che associa la bellezza alle cornici inesistenti, ma lo fa in modo collaudato (vista la grande somiglianza nell’estetica e nel nome allo Xiaomi Mi MIX) e con l'aggiunta di qualche dettaglio che migliora l'esperienza d'uso e che mette a frutto la lunga esperienza sul campo di questo produttore di smartphone. Bluboo S1 è bello ma anche ben equilibrato: leggero, fluido e terribilmente sexy!

Il prezzo può variare con un range di 50 euro in base al canale sul quale deciderete di acquistarlo, con una media intorno ai 170€. Nel momento in cui scriviamo, lo smartphone è in offerta da Gearbest al prezzo bomba di 142€ con uno sconto del 18% che scade entro 6 giorni.

Confezione

Nella confezione di vendita di forma rettangolare nera (con una dimensione sopra la media di altri cellulari) sono presenti, oltre allo smartphone, un caricatore da parete 5V 2A, un cavo per la ricarica USB-USB Type-C (suggerisco di usare sempre quello in confezione perché è l’unico che si agganci perfettamente al connettore dello smartphone), l’adattatore per USB Type-C/jack 3,5mm (non ha l’ingresso jack standard), una pellicola in vetro per la protezione dello schermo, una cover in TPU trasparente molto protettiva e un piccolo quantitativo di manualetti (fra cui la garanzia del produttore).

Bluboo S1 e la confezione di venditaIl corredo include una cover in TPU

Seppure si senta l’assenza delle cuffie in confezione (assenza giustificata anche dalla mancanza di un jack da 3.5mm), il pacchetto di accessori è completissimo e vi farà risparmiare come minimo 15 euro. La confezione mi ha soddisfatto pienamente.


Caratteristiche tecniche e piattaforma hardware

All’interno di questo mattoncino nero ci sono un processore Octa-core Mediatek Helio P25 MT6757 a 2,5GHz (sui quattro core principali), una Mali-T880MP2 a 900MHz, 4 o 6 GB di memoria RAM e 64GB di storage interno espandibile con una Micro SD. La batteria è da 3500mAh e con il suo caricatore 5V 2A raggiunge la piena carica in un’ora e mezza.

Nonostante sia stato annunciato a febbraio 2016, i primi smartphone con Mediatek Helio P25 hanno raggiunto il mercato solo agli inizi del 2017 e si tratta quindi di un SoC fra i più recenti del chipmaker taiwanese. Fra i suoi punti di forza c'è il dual-ISP che permette di gestire una dual-camera posteriore come sul Bluboo S1, ma che offre anche alcune funzionalità evolute come video HDR e un'esposizione automatica ultrarapida.

CPU-Z: Mediatek Helio P25

La piattaforma Mediatek si occupa anche della connettività WiFi 802.11a/b/g/n dual-band e mobile broadband 4G LTE cat.6 e supporto per la banda B20 spesso assente sugli smartphone cinesi.

  • CPU: Mediatek Helio P25 (MT6757CD) Octa-Core Cortex A53 (4 x 2,5GHz e 4 X 1,6GHz) 16nm e 64bit
  • GPU: ARM Mali-T880MP2 Dual-Core a 900MHz
  • Memoria: 4/6GB LPDDR4X Dual-Channel a 1600MHz
  • Memoria interna: 64/128GB eMMC 5.1 espandibile con MicroSD (microSD, microSDHC, microSDXC) sino a 256GB
  • Schermo: 5,5 pollici Full HD (1920x1080) IPS  LCD di Sharp a 24bit 401ppi 2,5D Corning Gorilla Glass 4
  • Fotocamere:
    • Principale: 13MP F/2.0 (IMX135 Exmor RS) interpolata a 16MP + 3MP
    • Secondaria: 5MP (GalaxyCore GC5025)
  • Batteria: 3500mAh non removibile ai polimeri di litio
  • Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n dual-band, TDD-LTE/FDD-LTE/WCDMA/GSM, GPS, A-GPS, Bluetooth 4.0
  • Sensori: Prossimità, accelerometro, giroscopio, bussola digitale, ambientale e laser
  • Sistema operativo: Android 7.0 (Nougat)
  • Dimensioni: 74,3 x 148,6 x 8,7 mm
  • Peso: 169 grammi
  • Colori: Bianco e Nero
  • Altro: Dual SIM Dual Standby, USB Type C 2.0, ricarica rapida (5V 2A), OTG

Design

Il design è chiaramente ispirato a quello di Xiaomi MI MIX, ma rispetto a questo prodotto gigantesco offre un’ergonomia più appagante. La colorazione nera ossidiana è particolarmente lucida, anche il frame laterale beneficia di questo trattamento e s’integra così bene con il resto della scocca da far sembrare la soluzione una unibody. In alternativa potete scegliere per il modello con cover bianca effetto ceramica.

Bluboo S1 si impugna in modo comodo

Il frame piatto e il vetro nella parte posteriore conferiscono un’impugnabilità e un’usabilità a una mano impagabile! L’intera scocca è realizzata in vetro e plastica, sul frame superiore non c’è niente, a destra il tasto di accensione e spegnimento e di regolazione dei volumi, in basso la porta USB Type C 2.0 per la ricarica, uno speaker di sistema e il microfono principale, sulla sinistra il carrellino per l’installazione di due nano SIM o alternativamente SIM e Micro SD. Manca il jack da 3.5 mm, privazione sostenibile se siete amanti - come me - di auricolari in-ear Bluetooth.

La porta USB-C sul fondo è l'unica interfaccia

Nella parte posteriore è presente la doppia fotocamera da 16MP e 3MP, accompagnata dal doppio flash LED. Il retro raccoglie qualche ditata restando tutto sommato abbastanza pulito (prodotti ben più rinomati e costosi fanno peggio, ad esempio Huawei P8 Lite 2017). Anteriormente ci sono la capsula auricolare, il sensore di prossimità e il tasto biometrico per lo sblocco dello smartphone. Il tasto, che non è meccanico, è preciso ma non rapidissimo nello sblocco, inoltre permette di andare indietro con il semplice sfioramento.

Capitolo a parte è il posizionamento della fotocamera secondaria da 5MP in basso a destra, che prevede il suo uso corretto soltanto quando avremo il device in posizione orizzontale, mentre provando a scattarci un selfie impugnandolo verticalmente incorreremo nella copertura accidentale dell’ottica. Il software fotografico ci aiuterà nell’apprendere quest’accortezza con una notifica chiara e ben visibile.


Schermo

Il vero protagonista è lo schermo da 5,5 pollici IPS LCD protetto da un Gorilla Glass 4 e senza cornici su tre lati. Gli angoli di visione sono nella norma, la luminosità massima perfetta mentre il dettaglio migliorabile. È un piacere sfogliare una pagina web o un album fotografico e visionare un video YouTube su questo pannello. Le immagini sembrano galleggiare in aria, con quell’effetto “infinito” che abbiamo avuto modo di apprezzare su smartphone tre o quattro volte più costosi.

Lo schermo sembra sospeso in aria

Peccato manchi il sensore di luminosità, che è stato abbandonato per motivi prettamente funzionali, di fatto non era possibile installarne uno sulle microscopiche cornici.

Fotocamera

Molto positiva è la resa fotografica di Bluboo S1: la gamma dinamica è ampia, i colori sono molto naturali (più veritieri e meno saturi di quelli di Doogee MIX) e la resa con alte e medie luci soddisfacente. Come abbiamo chiarito nella sezione dedicata alla piattaforma hardware, il merito di questo risultato va attribuito al dual-ISP del processore Mediatek Helio P25.

La dual camera posteriore del Bluboo S1 ha un'ampia gamma dinamica

I limiti della fotocamera (comandabile grazie ad un software stock, presente anche su altri smartphone cinesi) sono evidenti con luci molto fioche. Il rumore nelle zone più scure dell’immagine si vede, ma reputo non si potesse fare di meglio.

La doppia fotocamera è, anche in questo modello, poco intelligente: l’effetto di profondità di campo è scialbo, artificioso e sicuramente non annoverabile fra le killer feature di Bluboo S1.
I video, anche HDR, sono girati alla risoluzione massima di 1920x1080 punti a trenta frame per secondo: non fanno gridare al miracolo, ma sono utilizzabili per registrare un momento felice della propria giornata.


Test

Videogiocare è un gioco da ragazzi! Appena avvieremo un titolo, nei primi instanti potremmo notare qualche incertezza, che però scomparirà in sessioni di gioco lunghe e articolate. La Mali T880MP2 è una buona GPU capace di stare al passo di ogni categoria di giocatori.

Per quanto riguarda le prestazioni di calcolo pure, gli 8 core ARM Cortex A53 in configurazione BIG.little hanno restituito ottimi score, soprattutto in multitasking con un buon incremento rispetto a processori octa-core con a stessa architettura ma meno avanzati della stessa Mediatek.

Quadrant Totale CPU Memoria I/O 2D 3D
45912 206251 12882 8017 314 2096
Antutu Totale 3D UX CPU RAM
56812 10784 25766 17103 3159
Geekbench 4 Single-core Multi-core
791 3141
Vellamo Browser Metal Multicore
- - -
GFX Bench Car Chase offs. Manhattan 3.1.1offs. Manhattan 3.1 offs. Manhattan offs. T-Rex offs. Tessellation offs. Texturing offs. ALU 2 offs.
225,9 222,3 404,6 607,6 1155 949,8 1375 MTexel/s 688,7
3DMark Ice Storm Extreme Ice Storm Unlimited   Sling Shot
8634 11676 802
G1 41,2 fps G2 30,1 fps Physics 37,9 fps G1 57,7 fps G2 43,4 fps Physics 40,6 fps G1 4,1 fps G2 2,6 fps Physics 23,9/12/6,5 fps
PCMark  Work 2.0 
3143 Web browsing Video editing Writing Photo editing Data manipulation
3540 3216 2119 4738 2681

Batteria, temperature e conclusioni

Bluboo S1 è un compagno perfetto per telefonare, infatti l’audio in capsula auricolare è nitido e chiaro e anche noi verremo ascoltati perfettamente dal nostro interlocutore. Non ho avuto perdite di segnale, difficoltà di chiamata o consumi anomali derivanti da una ricezione ballerina.

La batteria da 3500mAh permette di arrivare alle 22:00 con 5H e 30min di schermo attivo, con uso misto Wi-Fi e 4G. Non è un cattivo risultato ma da un processore come Helio P25 che vanta un'efficienza energetica del 25% superiore rispetto alle soluzioni precedenti, mi sarei aspettato un'autonomia leggermente superiore.

Le temperature arrivano anteriormente e posteriormente sui 39°C. Nell’uso quotidiano lo smartphone non scalda neanche dopo aver fatto tante foto o video!

Temperature sul lato posterioreTemperature sul lato anteriore rilevate dalla termocamera Flir

In un corpo monolitico di soli 169 grammi e 8,7mm di spessore si nasconde il pretendente al trono nella fascia media del mercato. Sotto i 200 euro è la risposta a chi vuole uno smartphone iconico, veloce e dalle eccellenti prestazioni. Se poi riuscite a pagarlo 142€ con spedizione dai magazzini europei di Gearbest e senza ulteriori oneri e tasse, Blueboo S1 è un vero affare!

Bluboo S1 ha eccellenti caratteristiche per la sua fascia di prezzo

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy