Home Recensioni Recensione del notebook da gioco MSI GT660

Recensione del notebook da gioco MSI GT660

Recensione del notebook MSI GT660Protagonista di questa recensione è MSI GT660, una sontuosa macchina da gioco portatile con schermo da 16 pollici, scheda video Nvidia di categoria Enthusiast e sistema audio firmato Dynaudio.

La popolarità dei notebook da gioco è il segno più evidente dell'avvenuto sorpasso dei PC portatili sui desktop. Sempre più amata anche dai gamer professionisti, che ne fanno uso comunemente nei tornei e nei LAN party, la classe delle mobile gamestation si è andata affinando nel corso degli ultimi anni, raggiungendo una propria ben definita personalità. Non ci riferiamo soltanto al design elaborato, che affonda le sue radici nello stesso immaginario cui fanno riferimento i giochi 3D più amati, ma anche ad un patrimonio di innovazioni tecnologiche che hanno consentito a questi notebook di raggiungere prestazioni inimmaginabili, mantenendo comunque una discreta trasportabilità.

Il notebook MSI GT660, di cui ci occupiamo in questa recensione ed in precedenza oggetto di una nostra anteprima in occasione del CeBIT, così come altre macchine da gioco portatili di ultima generazione, rappresenta il punto d'arrivo di questo percorso evolutivo: 3,5Kg di peso, hardware ridondante per qualsiasi tipologia d'impiego, e fino a 3 ore di durata della batteria (misurate nei nostri test di laboratorio, non un'astratta valutazione del produttore)!

MSI GT660, profilo destro

Come le vetture di Formula 1 costituiscono il banco di prova per nuove tecnologie e soluzioni che poi in un momento successivo approderanno alla produzione di massa, così i notebook da gioco integrano tutta una serie di innovazioni che espandono i confini del mobile computing, permettendo di raggiungere nuovi orizzonti di velocità e di efficienza.

La nuova frontiera è quella delle "performance on demand". Tutti i nuovi notebook sono capaci di modellare le loro prestazioni, e di conseguenza i loro consumi, in base alle richieste degli utenti, con l'obiettivo di eliminare qualsiasi spreco di risorse. Nell'MSI GT660 questa possibilità di controllo da parte dell'utente è estrema, e coinvolge non solo la presenza di un gestore di risparmio energetico proprietario (MSI Eco Drive Engine) ma anche l'ultima versione della tecnologia di overclock MSI Turbo Drive Engine + (TDE+). Un doppio turbo, perché come vedremo in dettaglio nelle sezioni successive, si somma alla tecnologia Intel Turbo Boost di Intel.

Notebook da gioco MSI GT660

La prima configurazione disponibile in Italia prende il nome di MSI GT660R-009IT ed offre, al prezzo di 1859 euro, una componentistica hardware ricchissima: processore quad-core Intel Core i7-720QM, 6GB di memoria DDR3-1333 su tre banchi, 1TB di spazio di stoccaggio ripartito fra due hard disk con regime di rotazione di 7200RPM, ed una scheda video top di gamma Nvidia GeForce GTX 285M con 1GB di memoria GDDR3 dedicata.

MSI GT660, design

Per quanto corposa, però, la scheda tecnica dell'MSI GT660 non rende giustizia alle reali qualità di questo portatile. Solo l'esperienza diretta permette di cogliere l'accurato lavoro di progettazione svolto dai designer MSI con la collaborazione degli ingegneri del suono di Dynaudio: la forma del telaio del GT660 è stata, infatti, disegnata intorno al sistema di altoparlanti per consentire una migliore propagazione del suono. L'obiettivo è quello di assicurare un'esperienza multimediale priva di coni d'ombra, secondo il tema scelto da MSI per il 2010, "Sound, Performance, Vision", che è stato anche il filo conduttore delle esibizioni di MSI alle principali fiere internazionali, dal CES Las Vegas al Computex Taipei (a questo indirizzo trovate un report completo dalla fiera taiwanese).

MSI GT660, cui presto si affiancheranno un modello gemello con grafica ATI, GX660, ed una versione di diagonale più ampia, MSI GT760, è il portabandiera della rinnovata famiglia di notebook serie G, che fin dagli esordi della casa taiwanese nel segmento mobile ha rappresentato il fiore all'occhiello della sua produzione. Molti i modelli e gli allestimenti disponibili, dagli economici GX633-055IT e MSI GX723-020IT con grafica Nvidia GeForce GT 130M (posizionati rispettivamente intorno ai 600 e gli 800 euro) ai GX740-067IT e GT740-004IT, con schede video di categoria performance ATI Mobility Radeon HD 5870 e GeForce GTS 250M (con prezzi che oscillano fra i 1200 ed i 1500 euro).

MSI GT660 (il mouse non è compreso nella confezione)

Nel 2010 è stata introdotta anche un'altra novità: i notebook da gioco MSI più potenti si fregeranno dello scudetto rosso con dragone rampante che contrassegna le macchine "Extreme Powerful Turbo Gaming", un club esclusivo del quale fanno già parte i player del team europeo Fnatic.MSI ed i campioni americani del team Evil Geniuses. I membri di queste due squadre stanno girando il mondo con i loro notebook MSI GT660 nel torneo itninerante "MSI Beat It": fino all'ultima tappa del 30 agosto, chiunque può lanciare la sua sfida per cercare di vincere uno dei tanti premi in palio e partecipare alla finale di Pechino a settembre!

Per una panoramica generale sui notebook, netbook, AIO e tutti gli ultimi prodotti MSI presentati al Computex 2010, potete consultare questa pagina.


Specifiche tecniche

L'esame della lista delle caratteristiche tecniche dell'MSI GT660 rivela la presenza di alcune soluzioni tecniche originali ed inconsuete, come i tre banchi di RAM. L'intenzione, neanche troppo nascosta, è quella di surclassare le macchine da gioco concorrenti in ogni comparto, per candidarsi al ruolo di punto di riferimento ideale per la sua categoria.

  • Processore: Intel Core i7-720QM, 1,6GHz, quad-core, 133MHz Bus, 2350 MHz QPI, 6MB cache L3, package Micro FCPGA
  • Chipset: Intel Mobile PM55
  • Memoria: 6GB DDR3-1333 su 3 banchi SoDIMM (max 12GB)
  • Schermo: 16", formato HD 16:9, risoluzione WXGA HD (1366x768), retroilluminato a LED, modello Hannstar HSD160PHW1
  • Scheda video: Nvidia GeForce GTX 285M con 1GB memoria GDDR3
  • Audio: sistema 2.1 (2 satelliti + subwoofer) firmato Dynaudio
  • Hard disk: 1TB su 2 dischi SATA da 2,5" da 500GB a 7200RPM, anche in modalità RAID 0
  • Espansioni: lettore di schede di memoria 4 in 1 (XD/SD/MMC/Memory Stick), slot ExpressCard da 54mm
  • Porte: HDMI, D-sub VGA, 2 x USB 2.0, 2 x USB 3.0, e-SATA, RJ-45 Ethernet LAN, 4 x jack audio (combo cuffie/SPDIF, microfono, line-in, line-out)
  • Batteria: agli ioni di Litio a 9 celle da 87000 mWh
  • Networking: Intel 802.11 b/g/draft n, Bluetooth V2.1EDR, Gigabit Ethernet
  • Dimensioni: 395,6 (L) x 267,3 (P) x 47,5~55,2 (H) mm
  • Peso: < 3,5 Kg (con batteria a 9 celle)
  • Sistema operativo: Microsoft Windows Home Premiun 64-bit
  • Altro: ECO Engine, tastiera a 103 tasti con tastierino numerico, webcam HD

Unboxing

Il notebook MSI GT660 è distribuito in una confezione di cartone nera, decorata con una elaborazione grafica tridimensionale e con una serie di riquadri che ne illustrano le caratteristiche più rappresentative, dalla memoria al gestore di overclock TDE+.

Confezione del notebook MSI GT660

Aprendo la scatola non si può fare a meno di notare il voluminoso alimentatore da 150W e la capiente batteria a 9 celle. Utile il cavo HDMI in dotazione che permetterà di godersi il proprio gioco preferito su un televisore o su uno schermo esterno ad alta definizione.

Alimentatore e batteria

Riassumiamo il corredo dell'MSI GT660:

  • Manuale d'avvio rapido;
  • Batteria ad alta capacità agli ioni di Litio;
  • Alimentatore e cavo di alimentazione;
  • Disco contenente manuale utente, driver, utilities e funzione per il ripristino del sistema operativo;
  • Cavo HDMI.

Contenuto della confezione

Ricordiamo che la versione commerciale dell'MSI GT660R potrebbe avere un corredo diverso o più ricco di quello del modello in prova.


Interfacce

Una gradita novità, introdotta con il nuovo MSI GT660, è costituita dalla presenza di due porte USB 3.0 posizionate lungo il lato sinistro. Si tratta dell'ultima generazione dell'interfaccia seriale più diffusa, che porta a 4,8Gbps la velocità di trasferimento dati teorica, dieci volte più della precedente interfaccia USB 2.0. In concreto, utilizzando le porte USB 3.0 si può spostare un video HD da 27GB in 70 secnondi! Una delle caratteristiche più apprezzate del bus USB è la capacità di alimentare periferiche esterne, che nella versione 3.0 è stata aumentata dell'80% favorendo la nascita di una nuova generazione di accessori e riducendo i tempi di ricarica di smartphone ed altri dispositivi ricaricabili. Non bisogna dimenticare, inoltre, che USB 3.0 consente di eseguire simultaneamente operazioni di lettura e scrittura, laddove lo standard precedente era unidirezionale.

I vantaggi delle nuove porte USB 3.0 sono innumerevoli e coinvolgono molteplici profili, ma non meno importanti sono le interfacce HDMI ed eSATA, entrambe presenti sul nuovo GT660.

Lato anteriore: La parte frontale dell'MSI GT660 non ospita nessuna interfaccia. Ai due bordi sono posizionati alcuni LED a luce rossa dietro griglie traforate. I LED di stato, invece, sono incastonati nella parte inferiore della cornice del touchpad, in una posizione difficilmente visibile a schermo spento.

MSI GT660, lato frontale

Lato destro: Su questo fianco del portatile possiamo notare, partendo dalla parte più vicina all'utente, ben quattro jack audio (combo SPDIF/cuffie, microfono, line-in e line-out), utili per godersi l'audio multicanale su un sistema di altoparlanti esterni e per qualche applicazione di mixaggio musicale. Seguono una porta USB ed il cassetto del masterizzatore DVD.

MSI GT660, lato destro

Lato sinistro: I due terzi del versante sinistro sono occupati da una delle due griglie di aerazione della grande ventola che si occupa del raffreddamento dei componenti interni. Nello spazio restante sono state allineate le due porte USB 3.0, il lettore di schede di memoria multiformato, un'ulteriore porta USB 2.0 e lo slot di espansione Expresscard/54.

MSI GT660, lato sinistro

Lato posteriore: Il secondo sbocco del sistema di raffreddamento si trova sul retro, insieme al foro d'aggancio per un eventuale lucchetto Kensington, al connettore di alimentazione, al connettore RJ-45 per la rete Ethernet LAN, alla porta eSATA ed alle due uscite video (una classica VGA D-Sub ed una uscita digitale HDMI).

MSI GT660, lato posteriore


Design

Venendo incontro ai gusti dei player, i notebook da gioco esibiscono sempre uno stile appariscente, che permette di riconoscerli immediatamente al primo sguardo. In una parola, possiamo dire che le gamemchine sono "cool". Solitamente si tratta di un look che trae ispirazione dagli universi immaginari creati da disegnatori di grido per i videogiochi di maggior tendenza.

Nel caso dell'MSI GT660, il design a forma di scudo, particolarmente evidente nella cover del portatile ed in alcuni dettagli, come il bottone di accensione, ci ricorda le robuste armature degli Space Marines di Warhammer 40.000. Si tratti di una citazione voluta o meno, non si può negare che la casa taiwanese abbia fatto un enorme progresso sul profilo stilistico, realizzando una delle macchine da gioco più belle della stagione.

Cover del notebook MSI GT660

Al posto del consueto case squadrato con pannelli in alluminio satinato, MSI ha scelto per il GT660 un design più moderno, con angoli smussati e bordi sfaccettati, che riesce nel non facile compito di esprimere un forte temperamento senza risultare eccessivo e smodato. Alcune soluzioni, come la forma e la posizione degli altoparlanti, sono frutto della collaborazione con Dynaudio, come evidenzieremo nella sezione dedicata all'audio del portatile.

MSI GT660, vista frontale

Cover (di colore nero, leggermente micalizzata) e base (grigia nella parte anteriore, con una decorazione a rilievo a nido d'ape, che sfuma al nero verso la parte posteriore) sono trattate entrambe con la tecnologia di coating MSI Color Film Print che impermeabilizza la superficie, migliora la resistenza ai raschi ed all'usura, e dona al contempo una gradevole finitura lucida. Tutto lo chassis è punteggiato di LED, che creano un'atmosfera suggestiva, soprattutto al buio: sono quasi tutti a luce rossa, due sul bordo anteriore, due file di LED lungo i lati del display lid, tre LED ai vertici del touchpad ed una striscia orizzontale sulla cover, tranne il logo MSI al centro del coperchio, illuminato da un'intensa luce bianca. Anche i pulsanti a sfioramento posizionati sopra la tastiera si illuminano di luce rossa se attivati.

Logo MSI sul coperchio del GT660

Pulsanti a sfioramento sul GT660

I LED che decorano l'MSI GT660 possono essere attivati o disattivati al volo tramite un pulante a sfioramento dedicato. Inoltre, l'utility MSI LED Manager permette di gestire i LED suddividendoli in tre gruppi, consentendo di abilitarli singolarmente. Ci sono tre diverse tipologie di impiego: Standard, Breathing (i LED si illuminano e si spengono dando la sensazione che il notebook respiri) e Audio (in questa modalità i LED si muovono come un equalizzatore audio e possono anche illuminarsi indipendentemente riproducendo visivamente gli effetti audio stereofonici).

MSI LED manager

LED show su MSI GT660

Ritroviamo il motivo dello scudo anche sulla webcam e sul touchpad, circondato da una cornice cromata che nella parte inferiore ingloba i LED di stato. La superficie del touchpad è racchiusa fra tre LED triangolari, due posizionati ai vertici superiori ed uno in basso fra i pulsanti di selezione. La tastiera è del tipo più moderno, con tasti "ad isola" circondati da una mascherina lucida di colore nero.

MSI GT660, design del touchpad e della tastiera

Touchpad con i LED accesi

Tutti questi elementi si fondono fra loro per creare un design bello ma allo stesso tempo funzionale alle esigenze dei giocatori.


Processore, chipset e memoria

MSI GT660 utilizza la piattaforma Intel per notebook più recente, conosciuta anche con il nome in codice “Calpella”. Si tratta in pratica dell’ultima generazione di Intel Centrino: la scheda madre MS-16F1 con BIOS AMI utilizza un chipset Ibex Peak-M PM55, una scheda wireless WiFi Link 1000 BGN e un processore Clarksfield. Tuttavia il chipmaker di Santa Clara ha deciso di abbandonare questo brand a favore di quello del processore, Intel Core i7 in questo caso specifico, destinando il marchio Centrino ad identificare esclusivamente alcune schede di rete wireless.

Il chipset Intel PM55 è privo di sottosistema video integrato (quindi richiede necessariamente la presenza di una scheda video dedicata), dispone di ACPI versione 3.0b e supporta collegamenti PCI Express 2.0 a 2.5 GT/s. Invece non è supportato lo standard USB 3.0: per l’implementazione delle due porte USB 3.0 è stato infatti utilizzato un controller NEC indipendente.

La CPU quad-core i7-720QM è caratterizzata da una frequenza di clock base pari a 1.6 GHz, 2.8 GHz in Turbo Boost, 6 MB di cache di terzo livello e un collegamento DMI full-duplex a 2.5 GT/s. Ricordiamo infatti che questi processori non utilizzano la classica architettura basata su un Front Side Bus ma hanno un collegamento Direct Media Interface diretto con il PCH (Platform Controller Hub), in modo da ridurre ulteriormente la possibilità di avere colli di bottiglia.

MSI Turbo Drive Engine + (TDE+)

Il processo produttivo è a 45nm e non a 32nm come i più recenti processori Arrandale, infatti l’architettura di questi ultimi è ben differente e incorpora addirittura un sottosistema video, anche se rimangono dei dual-core votati maggiormente al risparmio energetico piuttosto che alle prestazioni pure. I Core i7 hanno invece performance di alto livello: grazie alla tecnologia Hyper-Threading di Intel possono eseguire fino a 8 thread in contemporanea (2 core logici per ogni core fisico), inoltre MSI ha dotato il GT660 dell'ultima versione del suo sistema di overclock controllato, chiamato Turbo Drive Engine+, che permette di incrementare ulteriormente la frequenza di funzionamento del processore fino a 3 GHz o 1,7GHz a seconda che TurboBoost sia attivo o meno. Possiamo quindi definire a ragione il GT660 come "notebook dal doppio turbo". Per approfondire il funzionamento della tecnologia Intel TurboBoost suggeriamo la lettura di questo articolo.

Le specifiche tecniche ufficiali del Northbridge del Core i7-720QM (Intel Lynnfield IMC) parlano di una configurazione di memoria a 2 canali (Dual-channel), quindi solitamente si tendono ad implementare sulle schede madri solo 2 slot di memoria. Tuttavia MSI ha deciso di utilizzare 3 slot per l’inserimento di moduli di memoria RAM fino a 4 GB, in modo da raggiungere il quantitativo massimo di 12 GB invece degli 8 GB ordinari. Nel nostro caso sono presenti 3 moduli DDR3 da 2 GB ciascuno per un già elevato quantitativo totale di 6 GB.

Caratteristiche dei moduli di memoria:

  • Modello: ASint Tech. C1RETSR4HGF
  • Tipo: SO-DIMM
  • Dimensioni: 2 GB
  • Velocità: DDR3-1333 (667 MHz)
  • Timing della memoria:
    @ 609 MHz 8-8-8-22 (CL-RCD-RP-RAS) / 30-68-4-10-5-5 (RC-RFC-RRD-WR-WTR-RTP)
    @ 533 MHz 7-7-7-20 (CL-RCD-RP-RAS) / 27-59-4-8-4-4 (RC-RFC-RRD-WR-WTR-RTP)
    @ 457 MHz 6-6-6-17 (CL-RCD-RP-RAS) / 23-51-3-7-4-4 (RC-RFC-RRD-WR-WTR-RTP)


Audio

Il codec audio è il Realtek ALC888/1200 che supporta nativamente segnali audio multicanale 7.1 e permette quindi di collegare un sistema Home Teater tramite l'uscita digitale SPDIF o tramite HDMI. Per simulare un audio più avvolgente utilizzando i diffusori integrati è utilizzato il sistema SRS Premium Sound, già visto anche su alcuni notebook della linea X-Slim. Tuttavia in questo caso i suoni sono decisamente più corposi e nitidi grazie all’utilizzo di due altoparlanti di alta qualità e di un mini-subwoofer integrato.

Come detto già in precedenza, MSI si è affidata alla casa danese Dynaudio per raggiungere una qualità del suono mai udita prima su un notebook. A differenza di altre soluzioni concorrenti, che puntano tutto sulla potenza degli altoparlanti, MSI e Dynaudio si sono interessati al modo in cui gli altoparlanti interagiscono con il resto del portatile. La posizione dei satelliti e del subwoofer, i materiali usati per le strutture di sostegno degli altoparlanti ed il disegno dei circuiti, tutto è stato accuratamente studiato per permettere di migliorare ulteriormente la resa sonora nella distanza ridotta.

Altoparlanti Dynaudio su MSI GT660

Oltre 1200 ore di test sono state effettuate per rendere ciscuna frequenza ideale per l'orecchio umano, con il risultato che il sistema Dynaudio del GT660 riesce a garantire un suono pulito e dal timbro gradevole indipendentemente dal tipo di frequenza e dal genere di musica riprodotta.

Può essere utile ricordare anche in questa sezione che i LED che decorano il GT660, se impostati sulla modalità "Audio", si illuminano in sincrono con l'equalizzatore e simulano la sorgente audio assecondando gli effetti stereofonici.

Video

Il display da 16 pollici utilizzato è un Hannstar HSD160PHW1 HD Ready. La risoluzione nativa è quindi di 1366x768 pixels (WXGA) con fattore di forma widescreen in formato 16:9. La retroilluminazione utilizza una fila di LED bianchi per garantire bassi consumi e luminosità più uniforme ed è in grado di raggiungere un'intensità massima di 220 nits. L’area di visualizzazione misura 353,45x198,72mm mentre il rapporto di contrasto stimato è di 600:1. Il tempo di risposta di 8ms è adeguato all'utilizzo ludico. L’angolo di visuale laterale è di quasi 90° in modo da garantire una buona visualizzazione anche a chi non si trova esattamente davanti allo schermo, molto utile per esempio durante la visione di film con amici, mentre quello verticale è di 50°. Per il collegamento con la scheda madre è stato utilizzato il classico LVDS.

Schermo del notebook MSI GT660

Come scheda video troviamo una NVIDIA GeForce GTX 285M dotata di una memoria video dedicata da 1 GB DDR3. Si tratta di una soluzione di fascia alta, in grado di offrire prestazioni 3D adatte alla totalità dei titoli di gioco di ultima generazione: rispetto alle schede video desktop si può collocare fra la GeForce 9800 GT e la 9800 GTX (delle quali condivide il Core G92), mentre per quanto riguarda le schede video da notebook è leggermente più veloce di una Mobility Radeon HD 5870.
Inoltre questa scheda è avvantaggiata in alcuni giochi grazie all'acceleratore di particelle PhysX e può essere utilizzata per applicazioni che sfruttano il calcolo in parallelo tramite CUDA. Il clock della GPU è di 630 MHz, ha 128 shader unificati a 1500 MHz mentre la memoria GDDR3 ha una frequenza di 1020 MHz. L’unico neo di questa scheda video è l’incompatibilità con le recenti DirectX 11, ma sono comunque supportate le DirectX 10 con Shader Model 4.0.

GPUz della scheda video Nvidia GeForce GTX 285M

E’ presente anche una webcam ad alta definizione con risoluzione 720p che offre una qualità video di 30 frame al secondo (contro gli 8 fps che si hanno in media con le comuni webcam). La webcam si accompagna al software ArcSoft che permette di catturare filmati o singoli frame e di applicare effetti e sfondi in tempo reale.

Webcam HD sul notebook GT660 di MSI


Tastiera e touchpad

La tastiera ad isola ha un layout standard e un tastierino numerico dedicato. Sono stati contrassegnati in rosso i tasti più frequentemente utilizzati nei videogiochi (WASD e frecce direzionali), in modo da rendere più intuitiva la pressione e non mancano numerose scorciatoie attivabili mediante la pressione di un tasto funzione, come la regolazione della luminosità o del volume.

L’area di digitazione è ampia e lo spazio tra i tasti rende poco probabile l'eventualità di commettere errori di battitura. Subito sopra la tastiera è inoltre presente un pannello con tasti a sfioramento retroilluminati, che permette di attivare ulteriori utili funzioni tra cui la modalità ECO o il Turbo Drive Engine.

Tastiera

Il touchpad è, come di consueto, decentrato a sinistra ed ha un’area sensibile di dimensioni standard con due tasti funzione. Nella cornice in cui è incastonato sono stati collocati i LED di attività e due ulteriori LED ai vertici che si illuminano se il touchpad viene disattivato.

Touchpad

Networking

La scheda di rete wireless Intel WiFi Link 1000 BGN occupa uno slot Mini PCIe e viene identificata con il vecchio marchio Intel Centrino. Supporta reti conformi agli standard 802.11b, 802.11g, 802.11n e, grazie alla presenza di una doppia antenna, può essere sfruttata la tecnologia MIMO 1x2 per incrementare la qualità della ricezione dei pacchetti. Questa scheda di rete ha formato ridotto half-size PCI-Express minicard ed è ottimizzata in modo particolare per il risparmio energetico, potendo vantare consumi otto volte inferiori alle soluzioni concorrenti.

Il modulo WiFi Intel Centrino Wireless-N 1000 è inoltre compatibile con la tecnologia My WiFi che permette di collegare in una rete PAN stampanti, fotocamere ed altri dispositivi provvisti di scheda di rete WiFi.

L'interfaccia Realtek RTL8168D/8111D ha invece il compito di gestire le connessioni cablate: sono supportati gli standard 802.3ab per connessioni Ethernet a 1000 Mbps (Gigabit) e 802.11u per connessioni di 10 e 100 Mbps.


Dispositivi di archiviazione

MSI GT660, nella configurazione esaminata, monta due dischi SATA-II da 500 GB a 7200rpm che possono essere impostati in RAID0, in modo da incrementare le prestazioni e fondere lo spazio di archiviazione totale. In pratica è possibile creare partizioni superiori a 500 GB, come se si trattasse di un unico disco da 1TB anche se fisicamente i dispositivi sono separati.

Gli hard disk utilizzati sono due Seagate Momentus ST9500420AS da 2.5”, hanno una latenza media di  4.17 ms, un buffer di 16 MB e un tempo di ricerca in scrittura casuale di 13ms.

Hard disk Seagate Momentus

Il lettore ottico integrato è un HL-DT-ST GT30N, collegato mediante un interfaccia SATA interna, prodotto da Hitachi LG Storage che legge e scrive CD, alla velocità massima di 24X, e DVD alla velocità massima di 8X.

MSI GT660 con il cassetto del masterizzatore aperto

Il modello montato sul nostro sample non è un GT30N L o GT30N F quindi non sono supportate le tecnologie LightScribe e Label Flash. Il funzionamento si è dimostrato regolare e la rotazione del disco è piuttosto silenziosa nella maggior parte delle condizioni d'uso.

Ci sono anche un lettore di schede di memoria che supporta i formati XD,SD,MMC e MemoryStick ed uno slot ExpressCard da 54mm.

Lettore di schede di memoria e slot ExpressCard


Batteria e consumo energetico

La batteria a 9 celle da 87000 mWh consente di avere una durata in linea con quella dei classici notebook consumer da 15 pollici, nonostante l’utilizzo di componenti destinati più alle prestazioni che all'efficienza energetica. Infatti il processore Core i7 ha un profilo termico (TDP) di 45 W e la sola scheda video ha un consumo di 75 W.

Un ruolo importantissimo in questo senso è svolto dal gestore di risparmio energetico proprietario MSI Eco Engine, che comprende un set di impostazioni prestabilite per determinati scenari di utilizzo: Gaming mode, Movie mode, Presentation mode, Office mode, e Turbo Battery mode. Attivando quest'ultimo vengono spenti i componenti non necessari, i consumi sono ridotti al minimo ed il moltiplicatore della CPU viene bloccato sul valore minimo, riducendo la frequenza di clock.

Batteria a 9 celle del notebook da gioco MSI GT660

Eco Engine, Turbo Battery mode

Grazie a questi accorgimenti siamo riusciti ad ottenere una autonomia di 3 ore con MobileMark 2007 nello scenario Reader pur mantenendo la brillantezza dello schermo al massimo livello. Si tratta però di un test che simula una costante situazione di idle del sistema, mentre in applicazioni particolarmente impegnative, come per esempio l’esecuzione di videogiochi o la riproduzione di film, l’autonomia massima scende a ridosso dell'ora.

Comfort acustico e temperature

Considerate le emissioni termiche dei componenti interni del GT660, gli ingegnieri MSI hanno dovuto progettare un sistema di raffreddamento adeguato. E' composto da due piatti, uno per il processore e l'altro per la scheda video, attraversati rispettivamente da due e tre heatpipe di rame che convogliano il calore verso due dissipatori disposti ad angolo; fra di essi trova posto una grande ventola che si occupa di espellere all'esterno l'aria calda.

Sistema di raffreddamento della gamestation mobile MSI

Si tratta di una soluzione che riesce a bilanciare in modo ottimale le opposte esigenze dell'efficienza del raffreddamento e del migliore comfort acustico. Soprattutto perché il GT660 dispone della tecnologia MSI Cooler Boost che permette di aumentare il regime di rotazione della ventola ove necessario, abbassando le temperature di soglia del processore e della scheda video. Una comoda applet permette di visualizzare le temperature correnti direttamente sul desktop, senza la necessità di installare applicazioni aggiuntive.

MSI Cooler Boost

I test, condotti come abitudine simulando una situazione di pieno carico del sistema per 30 minuti con il Test di Stabilità di Everest, hanno evidenziato una temperatura di soglia di 37 gradi per i dischi, di 44 gradi per la GPU e di 80 gradi per il processore, ma abilitando la tecnologia Cooler Boost la temperatura dei core della CPU scende a 75 gradi.

Grafico delle temperature

Ricordiamo che questa prova ha l'obiettivo di misurare le temperature massime dei componenti in una condizione di stress costante del sistema prodotta artificialmente e che difficilmente può realizzarsi durante l'uso reale della macchina.


Accessibilità interna e capacità di espansione

La presenza di uno slot ExpressCard in formato da 54mm (compatibile anche con card da 34mm) può essere sufficiente per espandere le capacità dell'MSI GT660 per gli utenti che preferiscono non avventurarsi nell'apertura della macchina.

Tuttavia, considerato il target cui questo notebook si rivolge, è molto più probabile che i suoi possessori decidano di dare una sbirciata ai componenti interni, anche solo per curiosità. Quindi giriamo il portatile sul lato inferiore ed esaminiamolo: se idealmente suddividiamo il fondo in quattro quadranti, possiamo dire che uno è destinato quasi per intero dalla batteria, mentre gli altri tre sono occupati da un unico sportello chiuso da 6 viti, fatta eccezione per il subwoofer tondo chiaramente visibile lungo il bordo posteriore.

Fondo del PC portatile MSI GT660

Rimozione della batteria

Aperto lo sportellino ci troviamo davanti al complesso sistema di raffreddamento del portatile, ai due vani occupati dagli hard disk da 2,5 pollici e a due dei tre banchi di memoria DDR3. Sotto le heatpipe di rame notiamo anche la batteria CMOS, in una posizione facilmente raggiungibile senza dover smontare interamente il portatile. E' pertanto possibile resettare il BIOS senza troppe difficoltà.

Fondo del computer portatile dopo l'apertura dello sportello

Particolare della sezione di motherboard accessibile

E' apprezzabile la facilità con cui si riescono a raggiungere il processore e la scheda video su modulo MXM per interventi di modding, upgrade o manutenzione.


Test

Prima di esaminare in dettaglio i risultati dei nostri test sintetici ed applicativi, è doveroso fare una premessa sulla scheda video Nvidia GeForce GTX 285M, l'acceleratore grafico per notebook più potente attualmente in circolazione, in attesa che Nvidia risolva i problemi legati alla dissipazione ed ai consumi delle GPU Fermi serie 480M. E' capace di performance mostruose, risultando nei 3DMark addirittura superiore alla ATI Mobility Radeon HD 5870. Ne consegue che i punteggi registrati rappresentano il nuovo record assoluto di prestazioni nel 3D gaming su notebook equipaggiati con singola GPU.

Il processore Intel Core i7-720QM, dal canto suo, riesce ad assecondare bene l'irruenza della scheda grafica Nvidia. Non sarebbe stato così senza l'aiuto della tecnologia di overclock MSI TDE+: i nostri test evidenziano che questa CPU non sarebbe in grado di reggere i ritmi della GPU se non fosse per la spinta del Turbo implementato da MSI. Il modello 720QM si posiziona, infatti, alla base dell'offerta di chip quad-core Clarksfield, con un evidente scalino in termini di performance rispetto al modello 840QM, tanto in ambito single-threaded (SuperPi) quanto in ambito multi-threaded (7Zip). I grafici mostrano chiaramente come, con l'ausilio di Turbo Drive Engine, il Core i7-720QM riesca invece a colmare il gap rispetto al ben più costoso 840QM, raggiungendo una velocità di esecuzione compatibile con le prestazioni fulminee della scheda video GeForce GTX 285M.

Superpi

7zip

Per verificare e confrontare le capacità di calcolo in modalità single-core ed in modalità multi-core ci siamo serviti di Cinebench, un test OpenGL, che permette di misurare la velocità di rendering del processore. Il grafico seguente non lascia dubbi circa l'ottimo lavoro svolto dalla tecnologia di overclock Turbo Drive Engine di MSI nel migliorare le prestazioni del processore Core i7-720QM.

Cinebench

I benchmark di sistema Futuremark PCMark05 e PCMark Vantage confermano le ottime performance del GT660 in tutti i comparti ed in tutti gli scenari d'impiego, dalle applicazioni multimediali a quelle di produttività. Una configurazione più equilibrata e la qualità del sistema Dynaudio permettono al notebook da gioco MSI di raggiungere e superare come valutazione complessiva addirittura macchine equipaggiate con processori di livello superiore.

PCMark05

PCMark Vantage

Quando però si passa ai test sintetici dedicati specificamente alla grafica 3D, MSI GT660 svetta, distaccando nettamente gli altri notebook della nostra comparativa. In 3DMark06, la Nvidia Geforce GTX 285M supera abbondantemente la soglia dei 13000 punti, facendo registrare uno score di 13491 punti con Turbo overclock attivo.

3DMark06 su Nvidia GeForce GTX 285M

3DMark Vantage, il benchmark specializzato per le API DX10, fa segnare 25070 punti nella modalità Entry, 7191 punti nella modalità Performance e 4290 punti con il set di impostazioni High. Interpretando questi dati, possiamo dedurre che MSI GT660 è in grado di gestire i titoli di gioco più esigenti, alla risoluzione nativa dello schermo (1366x768 pixel o in alternativa 1280x720 pixel)  e con un livello medio-alto dei dettagli, conservando sempre un'eccellente giocabilità.

3DMark Vantage su Nvidia GeForce GTX 285M

I benchmark applicativi condotti su Crysis, confermano le nostre conclusioni: MSI GT660 riesce a mantenere un framerate sufficiente anche scalando risoluzione e dettagli.

Crysis

Se non temete le umiliazioni, potete mettere il vostro attuale notebook da gioco direttamente a confronto con il GT660 di MSI tramite una webapp che trovate sul sito ufficiale del torneo Beat-It. Assicuratevi di essere sulla pagina dedicata al GT660 dal menu Products e cliccate sul pulsante "Click here to test your laptop performance against MSI Laptops".


Conclusioni

A margine di una dilagante omologazione e di un diffuso appiattimento, resiste una ristretta nicchia di notebook in cui i produttori continuano ad adottare soluzioni tecniche innovative, a sperimentare nuovi materiali e nuove finiture, a limare le prestazioni per raggiungere nuovi primati di velocità e di efficienza.

Certo si tratta di macchine prodotte in serie, ma con una cura artigianale, in cui ogni pezzo riflette l'ingegno umano ed ha una propria coerenza all'interno del sistema. Il notebook da gioco MSI GT660 è un perfetto esempio di questa elite di portatili, realizzati sommando quanto di meglio possa offrire l'attuale tecnologia mobile.

Il suo design esprime forza e carattere pur restando nel complesso proporzionato ed elegante: tagli, aperture e nervature dello chassis denotano una certa grazia, consentendo un più ampio ventaglio di applicazioni multimediali. Anche se si tratta essenzialmente una gamestation mobile, MSI GT660 può trovare felice collocazione nel salotto di casa, in qualità di sistema mediacenter.

MSI GT660

Un simile impiego è, del resto, favorito dalla presenza del sistema di altoparlanti integrati Dynaudio Premium Sound, che garantisce un'impareggiabile qualità ed intensità del suono, e dal completo controllo manuale su alcune caratteristiche esplicitamente orientate al gaming, quali l'overclock del processore, il regime di rotazione della ventola ed i LED scenografici.

I test fotografano un sistema equilibrato, frutto di un lungo lavoro di bilanciamento ed ottimizzazione che ha permesso di livellare le prestazioni verso l'alto. La tecnologia Turbo Drive Engine interviene sulla frequenza del processore per offrire quell'incremento di prestazioni sufficiente a consentire alla scheda grafica Nvidia GeForce GTX 285M di esprimere tutta la sua potenza.

La dotazione hardware non delude le attese e mette a disposizione un completo range di interfacce di ultima generazione, dall'uscita HDMI alle porte USB 3.0 per trasferire dati più velocemente o per connettere periferiche esterne di ultima generazione.

L'accessibilità dei componenti interni e la capacità di espansione sono superiori alla media, come tradizione MSI. In questo caso, però, la casa taiwanese supera sé stessa implementando ben 3 slot di memoria SoDIMM DDR3, per una capacità di upgrade totale della RAM di ben 12GB.

Ogni dettaglio è stato studiato attentamente per consentire al GT660 di MSI di diventare il nuovo punto di riferimento del settore sotto ciascuno profilo, dal comfort alle prestazioni, dal design alla multimedialità. Il risultato è una macchina eccellente che rispecchia le ambizioni di MSI nel mercato del mobile computing.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy