Home Recensioni Recensione Huawei P8 Lite 2017

Recensione Huawei P8 Lite 2017

Recensione Huawei P8 Lite 2017L’erede dello smartphone più venduto in Italia nella fascia medio-bassa torna in commercio con la sua versione 2017. Il nome è lo stesso, Huawei P8 Lite, ma cambia tutto il resto, con specifiche moderne ed un’estetica accattivante.

Dopo il successo di vendite avuto con la versione 2015, Huawei punta ancora una volta sul brand P8 Lite. Ma come è possibile se è da poco stato commercializzato il modello superiore P10 Lite?
I dati di vendita sono chiari: dall'inizio della commercializzazione ad oggi sono stati venduti oltre 1,7 milioni di Huawei P8 Lite (2015) soltanto in Italia e tutt’ora questo modello viene venduto molto bene grazie anche al prezzo contenuto a cui è possibile trovarlo sia on-line sia nei negozi fisici. Il 2017 rappresenta l’occasione per il marchio cinese di consolidare la sua posizione all’interno del mercato italiano, che ha visto Huawei come uno degli attori principali del passato 2016 e per questo punta sulla riconoscibilità della serie P8 Lite.

Huawei P8 Lite 2017 aspira a ripetere il successo del modello del 2015

Il passo in avanti fra i due modelli è stato deciso, l’hardware è stato rinnovato, potenziato e configurato in base a quello che l’utenza desidera attualmente: un sistema stabile, una buona fotocamera ed un design che non passa inosservato.
Sebbene il prezzo di vendita ufficiale sia di 249 euro, Huawei P8 Lite 2017 si trova facilmente al di sotto dei 200 euro sia nei più famosi negozi di vendita telematica sia in alcune catene di elettronica di consumo (meno di 150 euro è l'attuale quotazione su Amazon del modello precedente), facendo coincidere un prezzo ragionato con una grande reperibilità del device.
Ma è oro quello che luccica sotto tutto quel vetro?

Confezione

La confezione da cui estrarrete lo smartphone segue le linee estetiche tracciate da Huawei in questi anni: colorazione bianca, finitura antiscivolo e smartphone adagiato trasversalmente.
All’interno c'è il cellulare, l’alimentatore 5V 1A, il cavo per la connessione al PC e la ricarica, la spilletta per l’installazione della Nano SIM, le cuffie auricolari (le solite usate in tutte le loro confezioni) ed i manuali per il primo avvio dello smartphone.

La confezione è bianca come per tutti gli ultimi smartphone Huawei

La confezione è di buon livello anche se avrei gradito trovare una cover protettiva, che non solo sarebbe stata un gentile omaggio per l’acquirente, ma avrebbe, sin da subito, messo al riparo dalle ditate il corpo dello smartphone.


Caratteristiche tecniche ed hardware

Le dimensioni del dispositivo sono adatte a tutti i tipi di palmi e la superficie dello schermo è sufficiente per coprire giornate piene di messaggi ed interazioni social. Il cuore pulsante di Huawei P8 Lite 2017 è il processore proprietario HiSilicon Kirin 655 (Octa Core A53 a 4x2,1GHz e 4x1,7GHz) a 64bit mentre la Mali-T830MP2 garantisce delle prestazioni grafiche sufficienti per far girare , non senza rallentamenti, il parco videoludico accumulato negli anni.

La memoria interna da 16GB potrebbe essere un limite, ma se pensiamo che è possibile installare una memoria microSD per la sua espansione il problema è in parte superato. Completa la dotazione un generoso quantitativo di memoria RAM (3GB) ed una fotocamera da 12MP, che deve per forza di cose scendere a qualche compromesso ma garantisce degli scatti convincenti.

Huawei P8 Lite ha una piattaforma hardware simile a quella di Honor 6X

La batteria installata, di tipo non removibile, è un’unità da 3000mAh che ci accompagna verso la chiusura della giornata in modo agevole. Android è nella sua ultima versione (Android 7.0) ed è una caratteristica difficilmente riscontrabile su altri dispositivi della stessa fascia di prezzo.

  • Schermo: 5,2 pollici (16:9) Full HD IPS LTPS a 24bit 424ppi a laminazione completa e vetro 2.5D
  • CPU: Huawei HiSilcon Kirin 655 Octa Core A53 a 4x2,1GHz e 4x1,7GHz 16nm a 64bit
  • GPU: ARM Mali-T830MP2 dual-core a 600MHz
  • RAM: 3GB LPDDR3 dual-channel a 933MHz massimi
  • Memoria interna: 16GB espandibili con MicroSD sino a 256GB
  • Fotocamera principale: 12 MP (11,81MP) F/2.2 CMOS BSI
  • Fotocamera secondaria: 8 MP (7,99MP) F/2.0
  • Connettività: 4G LTE Cat.4 (150Mbps), Wi-Fi 802.11 a/b/g, Bluetooth 4.1
  • Batteria: 3.000mAh ai polimeri di litio con ricarica rapida
  • Sensori: Accelerometro, sensore di prossimità e di gravità, giroscopio, bussola, sensore biometrico di riconoscimento impronte digitali, NFC, GPS, A-GPS, GLONASS, BeiDou
  • OS: Android 7.0 Nougat, EmotionUI v5.0
  • Colori: Nero, bianco ed oro
  • Dimensioni: 147,2 x 72,94 x7,6 mm
  • Peso: 147gr
  • Valori SAR:
  • Testa 0,36 W/Kg
  • Corpo 0,93 W/Kg
  • Altro: presente la radio FM, Micro USB 2.0, OTG

Design

I materiali impiegati sono il vetro per la parte frontale e posteriore e la plastica per il frame laterale, tutto sommato materiali che non hanno un prezzo esorbitante e che si trovano comunemente anche su altri smartphone cinesi. Qui però l’assemblaggio è perfetto (sul modello che provai di Honor 6X riscontrai qualche pecca) ed il feeling in mano appagante.

Riprendendo le forme del fortunato Honor 8 ma senza dual camera e rinunciando alla finitura iridescente nella back cover si è giunti all’estetica di questo Huawei P8 Lite 2017. Niente di così nuovo insomma, ma esteticamente bellissimo se non fosse per la sua propensione a trattenere la sporcizia e le ditate.
Avere tanto vetro ma sporco stona con le linee pulite di questo device, che quindi non sarà mai lindo e potrebbe mettere a dura prova la pazienza degli utenti più precisi.

La cover posteriore in vetro ricorda l'Honor 8

La fotocamera posteriore è a filo della scocca (come su Honor 8) e questo accorgimento dovrebbe proteggerla da raschi ed urti, il tasto di accensione e spegnimento ha uno scalino per il suo riconoscimento al tatto, mentre la parte frontale del device è interrotta solo dalla capsula auricolare. Mi piace l’idea che questo prodotto sia un’alternanza di strati di vetro!

Sul fondo c'è una porta microUSB OTGParticolare del lato destro con il bottone di accensione e il bilanciere del volume

La dotazione di interfacce è assolutamente standard, con un audio jack da 3.5mm combo sulla parte superiore ed una micro-USB sul fondo affiancata dalle griglie di microfono e speaker.

Schermo

Lo schermo del P8 Lite in versione 2017 si allarga leggermente rispetto al suo predecessore, passando da 5"a 5,2", e con la diagonale aumenta anche la risoluzione che raggiunge il Full HD. Si tratta di un pannello LTPS con GFF full lamination, una tecnica di produzione che consiste nel compattare i vari strati che compongono il touchscreen per eliminare qualsiasi intercapedine fra essi allo scopo di migliorare la resa cromatica, la brillantezza del display e la sensibilità al tocco.

Huawei P8 Lite 2017 ha uno schermo quasi imbattibile in termini di luminanza

Nel caso dello schermo del nostro Huawei P8 Lite, questa tecnica consente di raggiungere valori di luminanza tipici degli smartphone di fascia alta, anzi addirittura superiori a molti flagship. Sebbene Huawei non fornisca una misura ufficiale, il nostro spettrofotomero X-Rite ha rilevato una luminanza di picco di 570 candele che consentirà di leggere senza difficoltà lo schermo anche in condizioni di forte illuminazione ambientale.


Fotocamera

Le fotocamere sono da 12MP e 8MP e sono gestite da un software per lo scatto che cambia e si aggiorna in relazione alla distribuzione Android divenendo più serioso ed essenziale.
Nella schermata principale abbiamo l’accesso sulla sinistra alla fotocamera secondaria, ai filtri, al pulsante Selfie Perfetto e Bellezza Standard, oltre al tastino per la gestione del flash. Lo swipe da sinistra verso destra permette di entrare nel menù di scatto (foto, video, HDR, Panoramica, documento ecc…), mentre quello da destra verso sinistra di scegliere i parametri di forma e definizione, oltre alla visualizzazione delle griglia di scatto ma non solo.

Il software (almeno nella mia versione che è un’unità demo per la stampa) mi è sin da subito apparso lento e macchinoso, quasi inusabile se tenteremo di scattare in notturna. Non è l’esperienza migliore che abbia avuto su questo tipo di piattaforma, ma, con un ragionevole dubbio, imputo questo tipo di esperienza alla mia unità di prova, anche perché a pari hardware Honor 6X non mi ha mai restituito questo tipo di sensazioni.

La camera posteriore ha un singolo sensore da 12MP

Ma come vengono gli scatti? Sebbene non ci troviamo davanti un medio-alto di gamma, le fotografie vengono molto bene (si vedono tutti i 12MP) in condizioni di luce perfetta, mentre l’asticella si abbassa leggermente in situazioni più problematiche e meno illuminate. Le foto sono solo buone in interno ma leggermente sopra la media degli altri produttori sulla fascia dei 200 euro.
Il dettaglio è molto alto, mentre i colori vengono catturati in modo fedele e veritiero. La fotocamera secondaria ha un ampio angolo di visuale e assolve più che bene alle sue funzioni.

I video sono girati alla risoluzione massima di 1920x1080 senza stabilizzazione. I colori in questo caso sembrano essere leggermente più saturi del normale, effetto che dà profondità alla scena registrata ma che discosta il girato dalle reali condizioni di illuminazione. Il rumore video diventa invasivo e il frame rate si abbassa vistosamente con video registrati in notturna.


Test

Il comparto tecnico è dimensionato per dominare in termini di prestazioni sugli altri smartphone nella fascia di prezzo di riferimento. Un buon risultato su Antutu e delle rassicuranti prestazioni multi-core su Geekbench 4 danno l’idea che la piattaforma sia matura ed ideale nel normale carico giornaliero. Pecca principalmente nel comparto grafico a causa di legnosità, scatti e glitch che sul cugino Honor 6X non avevo riscontrato e che, basandomi sulla mia esperienza personale, non me lo fanno consigliare se siete degli esperti giocatori.

Quadrant Totale CPU Memoria I/O 2D 3D
21312 78569 9182 16354 321 2132
Antutu Totale 3D UX CPU RAM
56203 9769 21840 19542 5052
Geekbench 4 Single-core Multi-core
782 3255
Vellamo Browser Metal Multicore
2399 1046 2415
GFX Bench Car Chase offs. Manhattan 3.1.1offs. Manhattan 3.1 offs. Manhattan offs. T-Rex offs. Tessellation offs. Texturing offs. ALU 2 offs.
166,8 155,4 287,3 487,9 1013 - 1264 MTexel/s 557,8
3DMark Ice Storm Ice Storm Extreme Ice Storm Unlimited Sling Shot
Maxed out 7780 10990 605
G1 37,1 fps G2 26,3 fps Physics 37,6 fps G1 54,6 fps G2 38,8 fps Physics 43 fps G1 3,3 fps G2
1,7 fps
Physics 1/ 2/ 3
29,8/ 15,5/ 8,5 fps
PCMark  Work 2.0 
 4524 Web browsing Video editing Writing Photo editing Data manipulation
4562 4429 4402 6279 3395

Batteria e temperature

L’autonomia è sotto la media degli altri produttori nella stessa fascia di mercato. Se Nubia, Meizu e Lenovo puntano su batterie generose, Huawei P8 Lite 2017 con i suoi 3000mAh garantisce, con un uso senza compromessi, di raggiungere le 18:00 dalle 7:00 del mattino, mentre con un uso più disteso e rilassato di arrivare alle 22:00.
Con l’operatore mobile TIM ed una buona ricezione il consumo è stato molto regolare, mentre muovendomi maggiormente, spostandomi in provincia e facendo un cambio celle più frequente, la batteria ha risentito di questa condizione d’uso.
Personalmente penso che la quasi totalità delle persone che lo acquisteranno troveranno la batteria sufficiente per tutte le loro esigenze, mentre per usi massacranti consiglio di pensare a qualcosa di meno raffinato e leggero ma con una batteria più capiente.

Lo chassis in vetro e plastica raggiunge una temperatura massima all'esterno di cica 30 gradi

Le temperature sono assolutamente sotto controllo e raggiungono sotto forte stress una temperatura massima rilevata di 30°C.

Conclusioni

Huawei P8 Lite 2017 si muove in una fascia di mercato complicata, dove ogni virgola potrebbe fare la differenza. Una batteria capiente ma non convincente, la propensione a sporcarsi e qualche scattino nei giochi potrebbero suscitare qualche dubbio nei potenziali acquirenti, ma alla luce del prezzo contenutissimo (199 euro on-line), degli scatti fotografici e del design penso sia una forte evoluzione del modello del 2015 e che sia la risposta più concreta in Europa se si dovesse disporre di un budget molto stretto. Sebbene Honor 6X sia più equilibrato in molti aspetti rispetto a questo P8 Lite, mi ha colpito maggiormente quest’ultimo perché non solo è completo ma anche terribilmente bello.

Huawei P8 Lite ci convince per la sua estetica elegante ed equilibrata

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy