Home Recensioni Recensione Honor 6X - Batteria e conclusioni

Recensione Honor 6X - Batteria e conclusioni

Recensione di Honor 6XHonor 6X è il nuovo smartphone hero di fascia media della Casa cinese. Ha dual-camera posteriore, un design gradevole con un bel telaio in metallo dalla forma ergonomica ed un prezzo accessibile. Riuscirà a bissare il successo di Honor 8?

Batteria

La capiente batteria da 3340mAh, unita al processore Kirin 655 (molto parco nei consumi perché fabbricato con litografia a 16nm) ed al coprocessore i5, garantisce la copertura di una giornata d’uso molto intensa. Le oltre sei ore di schermo sempre acceso sono la norma, mandare messaggi, telefonare e navigare sul web sono operazioni che non minano la durata della batteria tanto da permettervi di coprire un giorno e mezzo, dopo il quale necessariamente dovrete affidarvi al ristoro della corrente alternata. Honor 6X è un battery phone nel corpo di un normalissimo phablet!

I progettisti di Honor 6X hanno scelto una particolare batteria ad altissima densità che ha consentito di mantenere lo spessore dello smartphone entro gli 8mm, e non manca una tecnologia di ricarica rapida 5V 2A che permette di fare una ricarica completa in 1:40h.

Honor 6X convince non solo per il prezzo

Conclusioni

Honor 6X non può vantare prestazioni di rilievo nei benchmark, ma soddisfa appieno l’esperienza d’uso quotidiana di persone comuni ed, anzi, ha anche un po' di margine per chi vuole spingere il proprio smartphone oltre l’uso “normale”.
La quantità di RAM impiegata per portare avanti le consuete attività in multitasking si attesta sempre non oltre i 2,20GB, il che vuol dire che la versione Standard sarà più che sufficiente per ogni esigenza.

Honor 6X Standard ha un prezzo di 249 euro (3GB+32GB) e la versione Premium è in vendita scontata a 299 euro (4GB+64GB). Prezzi che lo rendono uno smartphone di fascia media se non medio-bassa, dall’ottimo rapporto qualità/prezzo e per alcuni aspetti preferibile a prodotti ben più costosi. Entra quindi in diretta concorrenza con Huawei P9 Lite ma mantenendo lo status di outsider.

Honor garantisce un’esperienza del tutto occidentale: tutte le notifiche saranno ricevute senza particolari procedure, è presente la banda 800 per la ricezione del segnale 4G ottimale anche in aree rurali o indoor (ha anche LTE CAT6 a 300Mbps) ed un software rodato su modelli ben più conosciuti.

Il sensore di impronte digitali precisissimo, la batteria longeva e la buona fotocamera sono il biglietto da visita per Honor 6X, che non vuole solo essere economico ma anche convincente. Peccato per l’assenza della banda 5GHz Wi-Fi e per un ritardo nell’adozione di una porta USB Type-C, ma del resto qualche mancanza è perdonabile ad un dispositivo che fa tanto con poco.


Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy