Home Recensioni Recensione Doogee Mix

Recensione Doogee Mix

Recensione Doogee MIXLa parola d’ordine di questo 2017 è “senza cornici”! Doogee Mix è il nuovo smartphone della casa cinese che punta tutto su un comparto tecnico di buona fattura confezionato all’interno di un corpo borderless ma dal peso non proprio contenuto.

Pensate alle ultime tendenze del 2017. Fatto? Design senza cornici, doppia fotocamera per un effetto di sfocatura super professionale e una colorazione che possa far invidia a tutti i competitor: questo è Doogee MIX (Mini + Max), un concentrato di soluzioni affascinanti ma non sempre azzeccate che lancia la sfida a tutti i produttori occidentali (e non) che abbiano intenzione di conquistare la fascia medio-bassa del mercato.

Presentato ad aprile 2017, Doogee MIX è stato il primo di una serie di smartphone cinesi borderless su tre lati, ispirati allo Xiaomi Mi Mix ma con un design meno estremo e più ergonomico. Hanno tutti diagonale di 5.5 pollici e quindi sono più facili da impugnare rispetto all'originale e mantengono uno speaker tradizionale in cima alla cornice superiore al posto di quello con tecnologia bone conduction. Altra caratteristica comune a questo gruppo di smartphone è il prezzo, abitualmente molto accessibile e compreso fra 100 e 200 euro.

Doogee MIX è attualmente in vendita intorno a 199€ su Amazon ed è davvero difficile trovargli un difetto.

Doogee MIX

Le premesse sono molto positive e gli smartphone "tutto-schermo" hanno qualcosa di affascinante e di diverso dal solito che ci rende curiosi. Scopriamo se Doogee ha fatto centro!

Doogee MIX dual-camera Doogee MIX connettore USB

Doogee MIX schermo

Confezione

All’interno della confezione di vendita abbiamo lo smartphone, una cover in plastica rigida e avvolgente nera con lavorazione gommata, un caricatore da 5V 2A, un cavetto USB/Micro USB e un gancio per impugnare saldamente il dispositivo fra le mani e per migliorare l’ergonomia. Mi ha divertito molto la scatola in cui è riposto quest’ultimo (stratagemma molto cinese): il packaging è quello di un comune profilattico Durex! Bella trovata Doogee, anche se mi immagino la faccia dei genitori vedendo all’interno della confezione dello smartphone del figlio/a spuntare quello che sembra essere un contraccettivo. Non abbiamo delle cuffiette comprese nella dotazione.

Doogee MIX cover

Doogee MIX anello Doogee MIX alimentatore


Scheda tecnica e piattaforma hardware

All’interno di uno chassis realizzato in vetro e alluminio verniciato di blu troviamo un processore Mediatek MT6757T (Helio P10) Octa-Core Cortex A53, una ARM Mali-T880MP2 a 900MHz, 4 o 6GB di RAM LPDDR4X a doppio canale e 64 o 128GB di memoria interna espandibile.

Lo schermo è un’unità da 5.5” Super AMOLED con definizione di 1280 x 720 punti a 267DPI protetta da un Gorilla Glass 5; la doppia fotocamera è da 16MP e 8MP, mentre la secondaria si ferma a dei dignitosi 5MP.

Doogee MIX Aida64 Doogee MIX Aida64

La connettività è completa: c’è il Wi-Fi 802.11 a/b/g/n dual channel, la banda B20, il Bluetooth 4.0, GPS, A-GPS e GLONASS. La batteria è da 3380mAh e viene ricaricata in 95 minuti all’incirca dal caricatore compreso in confezione.

  • CPU: Mediatek MTK6757CD (Helio P25) Octa-core cortex A53 (4 x1,6GHz e 4 x 2,5GHz) 64bit
  • GPU: ARM Mali-T880MP2 a 900MHz Dual-Core
  • Memoria: 4/6GB LPDDR4X a 1600MHz
  • Memoria interna: 64GB/128GB espandibile con MicroSD sino a 128GB (microSD, microSDHC, microSDXC)
  • Schermo: 5,5 pollici Full HD (1920x1080) Super AMOLED a 24bit 267dpi con protezione Corning Gorilla Glass 5
  • Fotocamere:
    • Principale: 16MP + 8MP F/2.0 Samsung S5K3P3
    • Secondaria: 5MP F/2.2 GalaxyCore GC5024
  • Batteria: 3380mAh non removibile ai polimeri di litio
  • Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n dual band, LTE Cat 4 (800/1800/2100/2600), GPS, A-GPS, GLONASS, Bluetooth 4.0
  • Sensori: Prossimità, luminosità, accelerometro, bussola, giroscopio e lettore d’impronte digitali
  • Sistema operativo: Android 7.0 (Nougat)
  • Dimensioni: 76,2 x 144,0 x 7,95mm
  • Peso: 193 grammi
  • Colori: Blu, nero
  • Altro: Dual SIM Dual Standby (Micro SIM), Micro USB, OTG

Design, schermo e fotocamera

Il design, ammettiamolo, è l’ago della bilancia che dovrebbe far scegliere questo dispositivo rispetto a uno di pari valore nella stessa fascia di prezzo. La colorazione che ho testato è quella blu e devo ammettere che è terribilmente bella!

La doppia superficie vetrata attira un bel po’ di ditate (se foste sensibili alle superfici piene di aloni, vi sconsiglio di andare a scollare le pellicole che proteggono i due fronti), ma quando è del tutto libera da macchie strega lo spettatore grazie ad una serie di giochi di luce e riflessi impagabili. Nota leggermente stonata è l’estetica della doppia fotocamera posteriore, che non solo è sporgente, ma è rimarcata da un doppio anello concentrico che trovo ridondante e autoreferenziale. Il frame laterale è tono su tono con una lavorazione sabbiata e finitura opaca. Lo adoro!

Doogee MIX design

Doogee MIX Doogee MIX bordo

Lo schermo è un sorprendente Super AMOLED: ha colori molto carichi e una luminosità molto alta che permette l’uso all’aria aperta con occhiali da sole, ma ha una definizione anacronistica su questo taglio di schermo. Il pannello ha una risoluzione di 1280 x 720 pixel, 267DPI ed ha un nero assoluto. Non dico sia un brutto display, ma avere una definizione più alta, a oggi, non è una scelta ma un vero e proprio obbligo. I colori sono settabili con l’applicazione MiraVision, ma restano sempre troppo contrastati e in alcuni video YouTube la calibrazione colore risulta sin troppo lontana da una tavolozza reale.

La fotocamera è semplice e veloce da usare, peccato che, come spesso accade, l’interfaccia non sia al 100% in italiano. La velocità di scatto è altissima e non rallenta con il calare della luce. Mi ha stupito per le foto punta e scatta in notturna: è al solito presente un bel po’ di grana a video, ma trascurabile se paragoniamo i risultati a quelli ottenuti con altri smartphone.

La doppia ottica permette sia di applicare un ingrandimento sia di percorrere la strada della maggiore o minore profondità di campo. L’effetto è meno artificioso della concorrenza, ma non mi convince come nella famiglia Honor o Huawei.

Doogee MIX design

I selfie sono abbastanza buoni, mentre i video prodotti dalla fotocamera principale sono alla ragguardevole risoluzione di 3840 x 2160p UHD. Tanti pixel per molti potrebbero non essere importanti, ma a me fa piacere avere questa opzione all’interno del software fotografico. La stabilizzazione è deludente, anche se inserirne una ottica avrebbe di certo inciso sul prezzo finale di vendita, che è uno dei suoi più grandi pregi.


Software

La versione di Android a bordo è la 7.0 Nougat e il Launcher  installato di default è la Freeme 10.4.2. L’interfaccia permette di personalizzare profondamente l’esperienza giornaliera di utilizzo, possiamo addirittura far comparire delle forme (cuoricini, anelli di luce o altro) premendo su una delle schermate dell’UI tramite l’opzione “Dito Magico”.

È presente un drawer di sistema, che ho trovato comodo perché graficamente dispone le applicazioni in ordine alfabetico, mentre ho trovato fastidioso il gattino/robottino che scende dall’alto nella home per accedere ai diversi temi dell’interfaccia. Ho usato per quindici giorni questo smartphone e non ho riscontrato problemi di ricaricamento o arresti o riavvii improvvisi.

Doogee MIX homeIl software permette il passaggio dei contenuti da un altro smartphone con DG Xender; è presente la radio FM mentre è assente il chip NFC.

Altalenante il funzionamento dell’impronta digitale, che a volte funziona in modo fulmineo, mentre altre volte non vuole affatto collaborare. Segnalo questo problema nella sezione software perché reputo sia un malfunzionamento imputabile a questo comparto e auspico un upgrade che renda ben funzionante quest’opzione.

Test

Si videogioca senza troppi compromessi, l’unica cosa di cui posso lamentarmi è la velocità di avvio, anche se non è una causa persa, infatti qualche secondo in più è necessario, ma con delle prestazioni generali molto buone.

Quadrant Totale CPU Memoria I/O 2D 3D
47714 213987 13221 8093 901 2370
Antutu Totale 3D UX CPU RAM
59132 9095 27380 18293 4364
Geekbench 4 Single-core Multi-core
813 3347
Vellamo Browser Metal Multicore
- - -
GFX Bench Car Chase offs. Manhattan 3.1.1offs. Manhattan 3.1 offs. Manhattan offs. T-Rex offs. Tessellation offs. Texturing offs. ALU 2 offs.
241,7 228,8 421,4 655,3 1354 1109 1378 MTexel/s 688,4
3DMark Ice Storm Extreme Ice Storm Unlimited   Sling Shot
10608 14855 1055
G1 56,8 fps G2 34 fps Physics 47,6 fps G1 82,1 fps G2 50,7 fps Physics 53 fps G1 6 fps G2 3,1 fps Physics 30,7/19,6/10,9 fps
PCMark  Work 2.0 
4963 Web browsing Video editing Writing Photo editing Data manipulation
5236 4311 4906 7151 3803

 


Batteria, temperature e conclusioni

Le temperature arrivano nella parte posteriore a 43°C e in quella anteriore si attestano sui 41°C.

La ricezione è sopra la media, la qualità della capsula auricolare è ottima, così come la registrazione dal primo microfono. L’incavo della capsula auricolare raccoglie molta polvere e dovrete periodicamente dedicare qualche minuto alla sua pulizia. Il problema poteva essere risolto nella fase progettuale applicando una griglia metallica a filo con il vetro anteriore!

Doogee MIX batteria

La batteria da 3380mAh mi ha sempre permesso di arrivare alle 23, raramente ho dovuto mettere in carica prima di cena di questo dispositivo. Cinque ore e mezza di display attivo sono la sua durata media.

Il prezzo si aggira sui 150 euro all’incirca negli shop cinesi e 199 euro su Amazon Italia, ma consiglio questo MIX per la fotocamera e se volete un display AMOLED e senza bordi. D’altro canto, se non amate un’esperienza utente “orientale” (gattini in Home e cuoricini al tocco) e se il funzionamento non proprio preciso del tasto biometrico è un problema, questo Doogee MIX non è la scelta che fa per voi!

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy