Home Recensioni Recensione Acer Swift 7 - Sistema operativo, schermo e multimedia

Recensione Acer Swift 7 - Sistema operativo, schermo e multimedia

Recensione dell'Acer Swift 7, il notebook più sottile al mondoMettiamo sotto torchio il notebook più sottile al mondo, Acer Swift 7. Con uno spessore di meno di un centimetro, riuscirà a garantire una buona dissipazione delle temperature, una sufficiente autonomia della batteria e prestazioni convincenti?

Sistema operativo e multimedia

Windows 10 Home assicura un’esperienza di utilizzo solida e famigliare, andandosi ad integrare perfettamente con le caratteristiche della macchina che in una sola parola si può definire equilibrata.
Acer Swift 7 è infatti un dispositivo nato per chi lavora lontano da una scrivania ed abbia bisogno non solo di un computer molto leggero ma sostanzialmente comodo ed affidabile.

La presenza di un processore Intel Core i7 garantisce un margine operativo davvero molto ampio: non solo potrete modificare e gestire tutti i vostri file Office o PDF, ma potrete addirittura installare ed usare con piacere Autodesk Autocad, Sony Vegas Pro, Adobe Premiere o DaVinci Resolve. Non si possono aspettare miracoli da questi programmi in fase di renderizzazione, ma il suo lavoro lo fa ed anche egregiamente.

Lo schermo FullHD da 13.3” è un’ottima unità IPS LCD, i colori non virano con il cambiare dell’angolo di visione ed ha un effetto di rifrazione modesto seppure sia rivestito con un vetro temprato protettivo. Il vetro è un Corning Gorilla Glass 4, quindi potete stare più che certi che non si andrà a segnare o rovinare in tempi brevi.

Schermo da 13,3" IPS con rivestimento in vetro Corning Gorilla Glass 4

I colori del display sono leggermente più saturi della norma ma non sbilanciati o fuori gamma cromatica, la visione di un film o di un video è terribilmente piacevole e comoda, peccato per il trattamento lucido della superficie protettiva, scelta che si paga all’aria aperta o in condizioni sfavorevoli di illuminazione ambientale. Per fortuna l'alta luminanza del pannello va a compensare questo inconveniente: il nostro spettrofotometro XRite ha misurato un picco di 321 cd/m² ed una buona uniformità della retroilluminazione.
Poco sopra lo schermo è presente una webcam abbastanza risoluta e grandangolare che permette di effettuare delle buone videochiamate o conference call.

La calibrazione dello schermo è un punto a favore di chi voglia usarlo per fotomanipolazione o filmmaking, ma il rivestimento glossy dello schermo e l'assenza di un lettore di SD Card sono un limite per gli utenti intenzionati ad acquistare questo peso piuma per verificare la correttezza degli scatti in esterna.


Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy