Home Recensioni Recensione Acer Swift 7 - Design e interfacce

Recensione Acer Swift 7 - Design e interfacce

Recensione dell'Acer Swift 7, il notebook più sottile al mondoMettiamo sotto torchio il notebook più sottile al mondo, Acer Swift 7. Con uno spessore di meno di un centimetro, riuscirà a garantire una buona dissipazione delle temperature, una sufficiente autonomia della batteria e prestazioni convincenti?

Design

Poiché questa macchina è la più sottile al mondo nel formato clamshell a conchiglia, l'assemblaggio dev'essere assolutamente impeccabile. E infatti Acer Swift 7 è realizzato interamente in vetro e alluminio combinati in modo preciso a formare un unico blocco anche se mantiene la possibilità di accedere, attraverso lo smontaggio delle viti sul fondo, al vano batteria ed ai componenti interni.

La C-shell, il pannello che ricopre la base, è in una elegante colorazione dorata mentre il resto del telaio è nero. L'insieme trasmette una sensazione di grande leggerezza e di raffinatezza, esaltata dalla finitura satinata che Acer ha scelto per il coperchio e per il palm-rest.

La cover nera in alluminio con il dettaglio della copertura delle antenne

Lo spessore massimo è di quasi 1cm, ma lo Swift 7 ha un profilo rastremato che si assottiglia ulteriormente verso la parte anteriore. Soltanto la parte posteriore del notebook ha una altezza sufficiente ad alloggiare i componenti della piattaforma hardware e le interfacce. La inevitabile conseguenza è che la dotazione di porte è ridotta ai minimi termini, con sole due porte USB-C 3.1 ed un jack audio, obbligando l’acquirente all’acquisto di un adattatore o di una dock Type-C USB per poter sfruttare appieno il dispositivo.

Le porte sono raggruppate sul lato destro

La connettività Wi-Fi utilizza la tecnologia MU-MIMO per avere una navigazione ben tre volte più veloce rispetto alla concorrenza. La cosa che stupisce è l’integrazione dell’antenna nel design del coperchio tramite un sottilissimo listello in plastica ottenuto mediante fusione ad iniezione. Un autentico tocco di stile!

Una volta aperto il coperchio dello Swift 7 ci troviamo davanti all’ampia tastiera ad isola in colorazione nera con tasti ben distanziati, dall’ottimo feedback tattile e dall’eccellente corsa in rapporto allo spessore del device. Sul fondo della tastiera (in cui non posso esimermi dal sottolineare come il tasto Enter sia più piccolo di quello SHIFT sebbene sia meno utilizzato) è stato inserito un touchpad immenso e quasi perfetto. Il dito scorre senza attrito sulla superficie e, trattandosi di un precision touchpad, si dimostra assolutamente confortevole e capace di riconoscere eventuali tocchi involontari.

Il larghissimo precision touchpad dell'Acer Swift 7

I poggiapolsi generosi accolgono i palmi delle mani dell'utente e permettono di avere una postura abbastanza ergonomica per scrivere per svariate ore senza avvertire fastidio o dolore. Il tasto di accensione è integrato all’interno del layout della tastiera in alto a destra.


Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy