Home News Pebble allunga la vita dei suoi smartwatch con un aggiornamento

Pebble allunga la vita dei suoi smartwatch con un aggiornamento

Pebble allunga la vita dei suoi smartwatch con un aggiornamentoIn seguito all'acquisizione di Fitbit, i server di Pebble saranno spenti per sempre rendendo inutilizzabili gli smartwatch già in commercio. Un aggiornamento però salva gli utenti, permettendo ai Pebble Watch di funzionare anche quando i servizi cloud saranno irraggiungibili.

Pebble è stato uno dei più importanti produttori di smartwatch, forse anche uno dei primi a scommettere in questo settore ma, dopo l'acquisizione di Fitbit avvenuta alla fine dello scorso anno, la situazione è cambiata: l'azienda ha annullato i suoi progetti e interrotto la vendita degli orologi esistenti, assicurando supporto per il software e i servizi Pebble fino alla fine del 2017.

Pebble Time Round

 

E ciò non significa che dal 2018 gli smartwatch Pebble diventeranno inutili, anzi. Pebble ha rilasciato un aggiornamento per la sua app v4.4 su Android e iOS che permetterà agli utenti di continuare ad utilizzare i Pebble Watch anche dopo che i server dell'azienda verranno spenti. Le nuove applicazioni consentono di saltare la fase di login, installare nuove applicazioni, language pack e firmware aggiornati, anche se i server Pebble non sono raggiungibili, una situazione che si verificherà realmente tra qualche mese.

Non tutto però fila liscio: in fase di aggiornamento, viene chiaramente comunicato che in seguito alla chiusura dei server non sarà più possibile per Pebble raccogliere i dati relativi all'attività fisica e quindi elaborare i rapporti settimanali/mensili di telemetria, anzi quelli già esistenti verranno rimossi. Gli utenti non potranno più accedere al proprio account e scaricare le app dallo store, né tanto meno contattare il supporto tecnico e suggerire nuove funzioni (sono sparite le voci dal menù delle nuove app). Non sono ancora chiare le sorti di alcune funzionalità, come messaggistica e previsioni meteo, ma essendo legate ai servizi cloud, il loro destino sembra già segnato.

Pebble ha però rilasciato due nuove opzioni: la "modalità offline" che impedirà all'app di connettersi ai server Pebble e la "configurazione personalizzata", che consentirà agli sviluppatori di continuare ad offrire servizi cloud-based anche quando i server Pebble saranno spenti, inserendo l’indirizzo da cui scaricare gli update.

Via: The Verge

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy