Home News Mai più notebook e netbook eMachines

Mai più notebook e netbook eMachines

Acer abbandona il brand eMachineseMachines, il brand Acer che identificava portatili economici, è stato ufficialmente dismesso: un altro passo nella direzione della ristrutturazione dell'azienda e di una sua riqualificazione verso un target di mercato più elevato.

Solo pochi giorni fa vi avevamo dato notizia della presenza di un prototipo di portatile con display UltraHD presso lo stand Acer al CES di Las Vegas di inizio mese, spiegando come facesse parte di un percorso iniziato già lo scorso anno e con una durata totale prevista di tre anni, teso a rivalorizzare il marchio Acer, portandolo a un nuovo livello più prestigioso. L'azienda infatti è sempre più convinta di voler produrre soprattutto device high-end, diminuendo il numero di prodotti complessivo e spostando l'attenzione dal settore economico e mainstream, che pure sarà ancora coperto, a quello dei dispositivi di qualità, come dimostrato recentemente ad esempio dall'ultrabook Aspire S7.

Acer eMachines M350

 

La presenza dunque di prototipi di notebook con schermo ad altissima risoluzione era una conferma significativa della volontà di Acer di proseguire su questa strada, diventando una delle prime aziende in ambito PC a proporre portatili con display di questo tipo. Se comunque ce ne fosse stato ancora bisogno un'ulteriore conferma è arrivata in questi giorni, con l'annuncio ufficiale dell'abbandono del brand eMachines, che identificava una famiglia di prodotti a basso costo come netbook e portatili economici, come ad esempio i modelli del 2010, eMachines M350 o ER1400, il primo con Intel Atom N450 e il secondo addirittura con un AMD Neo.

Del resto in un certo senso si tratta di una mossa prevedibile, in quanto già altre aziende come ASUS hanno di recente dismesso completamente la propria linea produttiva di netbook, device ormai morti commercialmente e che nessun utente richiede più. Per un'azienda poi che vuol cambiare radicalmente la percezione della propria immagine nei confronti del mercato abbandonare qualsiasi riferimento al proprio passato fatto di soluzioni economiche e di scarsa qualità è d'obbligo.

Il percorso di Acer continua quindi speditamente e, come già detto in precedenza, c'è da scommettere che in questo 2013 saranno ancora di più i prodotti di alto livello che l'azienda taiwanese presenterà, non c'è che da attendere.

Commenti (2) 

RSS dei commenti
Hanno già il marchio PB che può essere collocato nella fascia domestica ed economica quindi non ha mai avuto molto senso il nome eMachine anche se credo tentassero uno spinoff stile eeePC.
Diciamo che in Italia non sarebbe male guardare il marchio Acer perchè almeno ha uno dei laboratori europei in Italia e questo aiuta un po' la nostra magra occupazione!  
riky1979

riky1979

gennaio 24, 2013

Non ho mai capito la funzione del marchi e macchine , essendo già Acer un brand di fascia bassa.  
Darkstone18

Darkstone1

gennaio 24, 2013

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy