Home News Da Nintendo, un tablet Android per bambini

Da Nintendo, un tablet Android per bambini

Da Nintendo, un tablet Android per bambiniNintendo sta lavorando ad un tablet basato su Android, che non sarà legato al mondo dei videogames ma al settore educativo e della formazione. Nintendo, per la prima volta, investe in un nuovo mercato diverso dalle console. *Aggiornato

Aggiornamento 23/11/2013: il tablet Nintendo non esiste e l'ingegnere, Nando Monterazo, che ha diffuso la notizia ripresa da piccoli blog e siti autorevoli è scomparso dal Web. La società giapponese ha smentito l'indiscrezione e ha sottolineato che il tecnico software non ha mai lavorato né lavora per Nintendo. Dopo aver rimosso i tweet incriminati, anche il suo account sul social network è sparito. Possiamo archiaviare la notizia come una bufala.

Un ingegnere del team software di Nintendo of America, Nando Monterazo, ha rivelato interessanti dettagli all'inizio di questa settimana su Twitter. La società giapponese sta attualmente testando un tablet, basato su una versione "completamente modificata" di Android. L'ingegnere però ha subito chiarito che il dispositivo non rappresenta il tablet che molti gamers si aspettano da tempo. "La gran parte dei utenti associa Nintendo alle console NES, SNES e Game Boy, ma questo tablet non sarà destinato ai soliti videogames ma solo a quelli educativi!".

Il tablet Nintendo, quindi, sarà diverso dalle console consumer lanciate fino ad oggi e porterà l'azienda giapponese in un settore ancora inesplorato. "Si tratta di un tablet con giochi educativi per bambini, con personaggi Nintendo", sottolinea Nando Monterazo con tweet successivi, oggi rimossi. La notizia ha colpito gli "addetti ai lavori" per due ragioni principali: Nintendo ha sempre dichiarato di non voler abbandonare il suo core-business e, nel corso degli anni, si è sempre dimostrata scettica sull'utilità dei dispositivi mobile, in particolar modo smartphone e tablet.

L'ingegnere non ha aggiunto altri dettagli sul progetto, limitandosi a chiarire che Android sarà sostituito da un "ambiente Unix" successivamente. Il tablet educativo Nintendo dovrebbe essere limitato al mondo della scuola e, quindi per questo, non disponibile al pubblico consumer. L'apertura verso altre piattaforme mobile da parte della società giapponese è significativa perché potrebbe essere l'anticamera per lo sviluppo di nuovi prodotti portatili. Staremo a vedere.

Nintendo Wii U

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy