Home News Netbook: Intel e Windows in pensione nel 2010?

Netbook: Intel e Windows in pensione nel 2010?

Netbook: Intel e Windows in pensione nel 2010?Molti produttori taiwanesi di netbook potrebbero lanciare una nuova generazione di mini-laptop nel 2010, basata su una soluzione diversa dalla coppia Intel/Windows.

Al momento, la gran parte delle aziende produce netbook con restrizioni imposte da Intel e Microsoft, sia per quanto riguarda i componenti interni sia il formato dello schermo LCD. Ricordiamo ad esempio che Microsoft limita attualmente l'installazione di Windows XP ai dispositivi forniti di massimo 1GB di memoria e di un hard disk da 160GB. Il presidente di Compal Electronics, Ray Chen, sottolinea del resto che la situazione dovrebbe migliorare con il lancio di Chrome OS , il sistema operativo gratuito di Google concepito inizialmente per i netbook.

Acer Aspire One con Android

Aggiunge, inoltre, che la sua società lavora attualmente a modelli che hanno un peso inferiore a 1Kg ed uno spessore ridotto a 15-20 millimetri. Per il momento, gli analisti del settore ritengono che se i netbook non Wintel (Windows/Intel) faranno il loro ingresso nel 2010, si tratterà certamente di modelli con processori ARM o parenti stretti dei MID. Ad ogni modo, secondo quanto rilasciato da Gianfranco Lanci, presidente di Acer, l'azienda taiwanese prevede di lanciare un nuovo netbook con un formato diverso dai mini-laptop e dai PC portatili attuali. Le ultime indiscrezioni, infatti, parlano di una nuova linea di netbook conosciuta sotto il nome di "terza generazione".

In teoria, la nuova gamma sarà caratterizzata da dispositivi con caratteristiche comuni ai netbook e agli smartphone, ma diversi diversi dai netbook Android. A questo proposito, sempre Acer dovrebbe essere la prima azienda sul mercato a lanciare il netbook con OS Google Android. Alcuni rumor avevano confermato uno slittamento nella data di lancio, ma un portavoce della società taiwanese ha dichiarato che questo netbook sarà lanciato nel terzo trimestre 2009. Non ci resta che aspettare.

 

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy