Home News Mediaset cita YouTube e Google per 500 milioni di euro

Mediaset cita YouTube e Google per 500 milioni di euro

Mediaset vs Youtube e GoogleAnche il gruppo di Cologno Monzese si accanisce contro i colossi del video-sharing YouTube e Google: con una nota viene resa pubblica una richiesta di risarcimento pari a 500 milioni di euro per diffusione di contenuti protetti da diritti d'autore.

Nemmeno per giganti del web come YouTube e Google, i 500 milioni di euro chiesti dall'azienda di comunicazione televisiva italiana Mediaset, come risarcimento per presunta violazione di diritti d'autore, rappresentano una cifra esigua. La citazione in giudizio viene resa nota direttamente dal gruppo televisivo, con un comunicato ufficiale. Secondo Mediaset infatti, il danno causato dalla presenza di migliaia di filmati "rubati" e pubblicati nei portali di condivisione video, costituirebbero un enorme danno, quantificabile nella cifra di mezzo miliardo di euro, al quale andrebbero sommate le perdite per il mancato inserimento di spazi pubblicitari.

Mediaset Youtube Yahoo

Per giustificare la propria richiesta, la società ha effettuato un'indagine statistica, rilevando la presenza di 4.643 video di contenuti di proprietà di Mediaset, aventi una durata complessiva di 325 ore. Secondo gli esperti assoldati dal gruppo di Cologno Monzese sarebbero addirittura 315.672 le giornate di "visione" perse dalle reti mediaset a causa dell'illecito di Google e Youtube. Quali saranno le conseguenze?

Nell'attesa della risposta dei giganti statunitensi, ricordiamo che episodi simili si sono già verificati in Europa (e non solo) anche di recente: la TV spagnola Telecinco ha vinto infatti una causa analoga contro YouTube solo qualche giorno fa.

 

Commenti (10) 

RSS dei commenti
Direi che la notizia si commenta da sè. Vedremo le aziende pubblicizzate da YouTube gratuitamente da chi pubblica gli spot fare una donazione? smilies/cheesy.gif
E' una vergogna. Vedono che ci sono i precedenti e allora ci provano anche loro. Forse se la gente si guarda le trasmissioni vecchie su youtube invece dei programmi in TV, la colpa è da imputare a qualcun altro smilies/tongue.gif
Ma va là va là... Perchè devono sempre farci vergognare della nostra nazionalità..  
0

Galadh

luglio 30, 2008

mediaset come al solito cerca di tappare la bocca a chi fa informazione diversa e ha una visione più moderna e "opensource" delle telecomunicazioni.  
0

ilanur

luglio 30, 2008

E' un sentiero minato. La cosa è affrontabile da mille punti di vista diversi. Per cosa ha avuto risarcimenti Telecinco? Qualcuno lo sa? Se YouTube guadagna molto per la quantità enorme di connessioni che ha, allora che ognuno metta in onda le proprie produzioni su propri siti e che ne ricavi i benefici, seguendo lo stesso principio della Tv: più ascoltatori ho e più guadagno. Il fatto è che questi sono stati più veloci di tutti a capire la potenzialità di Internet! Giusto che trasmettano le cose di altri? In linea di massima direi BOH, ma finchè non ci sono regole tutti possono fare tutto. E poi chi dice che anche i produttori tutto sommato non abbiano un ritorno indiretto da Internet? E allora che si muovano e lo sfruttino invece di non saper cosa fare! E ancora: che senso ha richiedere cifre così esigue di risarcimento? Mi sembra tanto un giochino del piffero, anche perchè qui non si parla di Album musicali o Film interi, ma solo di miseri spezzoncini di trasmissioni. La Tv è l'ultima a potersi lamentare.  
0

Mandi

luglio 30, 2008

Qualcuno sa precisamente cosa è stato riconosciuto a Telecinco?  
0

Mandi

luglio 30, 2008

La Tv è l'ultima a potersi lamentare.

E sottolineerei, l'ultima tra le TV è Mediaset smilies/tongue.gif  
0

Galadh

luglio 30, 2008

Ufficialmente gli hanno riconosciuto la "proprietà intellettuale" dei contenuti. Secondo me invece gli hanno riconosciuto di avere Mediaset come maggiore azionista. Poi se diciamo che c'era Dell'Utri implicato per falso in bilancio è tutto dire.  
0

Galadh

luglio 30, 2008

I diritti d'autore sono giusti e sacri, ma è anche vero che i prezzi devono essere equi (vedi CD musicali tanto per dirne una). Perchè è vero che questi siti danno spazio a produzioni non proprie o di chi le posta, ma si parla di piccoli spezzoni di cose già viste e talvolta vecchie. Davvero la gente si mette a guardare un pezzo qui ed uno lì invece di guardare cose nuove in Tv? Si parla di cose diverse! Potremmo parlarne per ore! Allora dico che quando c'è un omicidio in Tv i TG dovrebbero pagare i diritti agli eredi per la possibilità che hanno di sfruttare la notizia e attrarre pubblico. Come la mettiamo?  
0

Mandi

luglio 30, 2008

Proprietà intellettuale? Dovrebbe aver creato un precedente...ma non mi sembra di aver sentito terremoti...perchè ora tutti i detentori di proprietà intellettuali busseranno alle porte virtuali di Internet! Ma ribadisco: com'è che non ho sentito terremoti?  
0

Mandi

luglio 30, 2008

Si infatti, hanno scambiato Google e YouTube per una cassa comune. Se qualcuno diventa una potenza del web si vede che ci lavora sodo, nel bene e nel male. Che lavorino anche alla televisione se vogliono introiti onesti, invece di propinarci la solita TV spazzatura e disinformazione (aka TG4), invece di fare gli opportunisti per riempire le casse. Pagliacci. Ormai non c'è più nessuna morale; ma non si vergognano? Emettendo pure una nota ufficiale? Come se fosse davvero qualcosa di legittimo, e soprattutto come se a chiederlo fosse una azienda dall'alta levatura morale. Dico la mia alla Sgarbi: buffoni! buffoni! buffoni!  
0

Galadh

luglio 30, 2008

Se questi si scannano a suon di miliardi, per i siti che condividono i video di youtube in modo alternativo tipo questo www.videomap.it, c'è pericolo che incorrano loro stessi in reato oppure la colpa è sempre di youtube??  
0

zulu99

luglio 30, 2008

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy