Home News Litebook, notebook Linux con Intel Braswell. Costa 249$

Litebook, notebook Linux con Intel Braswell. Costa 249$

Litebook, notebook Linux con Intel Braswell. Costa 249$Si chiama Litebook ed è un nuovo notebook con Elementary OS, CPU Intel Braswell e display da 14 pollici Full HD. È già in prevendita a 249$ (HDD da 512GB) o 269$ (32GB SSD + HDD), ma attenzione ai dettagli.

C'è un nuovo notebook low-cost e open-source in circolazione: Litebook è un modello da 14 pollici Full HD (1920 x 1080 pixel) con processore quad-core Intel Celeron N3150 (Braswell), 4GB di RAM e sistema operativo Linux. Potete già prenotarlo sul sito ufficiale dell'azienda, scegliendo tra una versione da 249 dollari con hard disk da 512GB ed una da 269 dollari con un SSD mSATA da 32GB in aggiunta all'HDD.

Ma prima di aprire il portafogli, potrebbe essere utile sapere che Litebook assomiglia terribilmente ad un white-box laptop cinese rimarchiato e presentato per la prima volta nel 2014. Alcuni shop online asiatici hanno ancora a listino dei computer portatili con le stesse foto promozionali del Litebook, portandoci a due possibili conclusioni: la società di Litebook potrebbe aver acquistato un lotto di questi notebook ad un prezzo molto basso e vorrebbe fare affari rivendendoli con Linux a bordo ed un anno di garanzia oppure qualcosa non quadra. Oltretutto non ci spieghiamo perché l'azienda avrebbe deciso di "photoshoppare" delle immagini che mostrano il notebook con Elementary OS pur avendone esemplari reali a disposizione.

Litebook

Stando a quanto riferito dal team, comunque, non è stato semplice far funzionare Litebook, perché bisognava modificare Elementary OS affinché fosse compatibile con l'hardware di questo notebook. E quindi: è stato installato il kernel 4.8, PlayonLinux e Wine per supportare alcuni software di Windows, WPS/Kingsoft Office e Firefox come browser predefinito. C'è anche una partizione di recupero che consente agli utenti di ripristinare il notebook allo stato di "fabbrica".

Dobbiamo essere sinceri: il sito e l'intera operazione non ci convincono pienamente, ma alcune scelte del team dimostrano che per davvero qualcuno ha lavorato su questo progetto con l'intenzione di renderlo "appetibile". Ad esempio, la scelta di installare WPS Office (e non LibreOffice) va incontro a quegli utenti ancora legati al mondo Windows, proprio perché la suite è molto simile a Microsoft Office, mentre l'opzione di uno storage ibrido permette di invertire l'ordine di avvio nel BIOS ed eventuale creare un sistema dual-boot.

Litebook è dotato di due porte USB 3.0, una HDMI, un jack audio, una porta Ethernet ed un lettore di schede microSD. Ha una webcam da 720p, altoparlanti stereo ed una batteria per circa 9 ore di autonomia, WiFi 802.11n e Bluetooth 4.0. È facile da aggiornare e riparare: la batteria è rimovibile aprendo il pannello sul fondo, l'hard didk può essere sostituito da una sportellino sul retro (SSD mSATA è più nascosto quindi più difficile da aggiornare), la RAM è saldata e non espandibile. Chi ha già un hard disk, in fase di acquisto, può inserire il codice "NODISK" e risparmiare 20$ oppure può ordinare un SSD da 120GB per 50$ in più.

Per quanto riguarda il sistema operativo, l'utente potrà scegliere di sostituire Elementary OS con una qualsiasi distribuzione Linux con kernel 4.8 o successivo (necessario per il supporto wireless), addirittura anche optare per Windows se lo si volesse. Coreboot non è supportato, quindi Litebook non gira su un OS open-source al 100%.

E questo è tutto: non ci aspettiamo lo stesso livello di supporto e controllo qualità dei computer portatili con Windows o Chrome OS dei colossi high-tech, ma Litebook potrebbe essere una scelta interessante per chi vuole un notebook low-cost con prestazioni (e prezzi) simili al Chromebook ed un sistema operativo "libero" desktop-style. Tutto sommato, è incoraggiante sapere che è solo un white box laptop con Linux preinstallato, perché significa che il notebook non è stato sviluppato da una società senza esperienza in hardware, a differenza di alcuni progetti di crowdfunding che abbiamo visto negli ultimi anni.

Via: Liliputing

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy