Home News Gli ultimi Jolla Tablet saranno spediti. Rimborsi entro un anno

Gli ultimi Jolla Tablet saranno spediti. Rimborsi entro un anno

Gli ultimi Jolla Tablet saranno spediti. Rimborsi entro un annoJolla si prepara a spedire il secondo (ed ultimo) lotto di Jolla Tablet a chi aveva creduto nella sua campagna di crowdfunding. Il resto degli investitori sarà rimborsato entro un anno. E' la fine di un progetto?

Vi abbiamo già parlato, nelle scorse settimane, dei problemi di Jolla: la società, fondata e cresciuta grazie ad alcuni dirigenti e ingegneri ex-Nokia, non è riuscita a vincere la sua scommessa con il mercato e nel giro di qualche anno ha perso liquidità. Alcuni recenti fondi le hanno permesso di riacquistare la forza lavoro che aveva "temporaneamente" sospeso, ma non le consentiranno di produrre tutti i Jolla Tablet ordinati nella campagna di crowdfunding.

Jolla Tablet

Pensavamo che, lentamente, la società riuscisse ad onorare i suoi impegni: non avrebbe prodotto tutti i dispositivi prenotati, ma almeno la maggior parte. Evidentemente ci sbagliavamo. Jolla ha fatto sapere che spedirà un secondo ed unico lotto di tablet (il primo di 121 unità fu consegnato nel mese di ottobre), a cui però non ne seguiranno altri. In sostanza, la società si impegna a spedire altri 540 tablet da febbraio, per un totale di circa 700 terminali a fronte delle migliaia di prenotazioni. La ragione non è solo economica, ma anche dovuta alle difficoltà di reperimento di alcuni componenti, non più disponibili.

Il resto degli utenti sarà rimborsato, ma potrebbero passare mesi prima di rivedere la cifra sul proprio conto in banca. Stando a quanto comunicato da Jolla, i primi riaccrediti saranno emessi nel primo trimestre 2016 ma la società prende tempo (circa un anno) prima di completare tutte le operazioni, probabilmente perché è a corto di fondi.

Adesso, dunque, quale sarà il futuro di Sailfish OS? Sembrerebbe che Jolla sia in trattative con alcuni produttori interessati ad utilizzare questo sistema operativo Linux-based sui propri tablet e smartphone. Jolla però non produrrà più l'hardware, ma si limiterà a fornire il software a terzi, ed uno dei primi della lista è Fairphone 2. Probabilmente serviranno partnership più importanti per poter sopravvivere nel mercato ultra-mobile, ma quantomeno è un primo passo.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy