Home News Intel Rangeley, processori Atom a 8 core con motore Crypto

Intel Rangeley, processori Atom a 8 core con motore Crypto

Intel Rangeley, processori Atom con motore CryptoIntel ha diffuso qualche dettaglio tecnico su Rangeley, i processori con core Silvermont che, assieme a Valley View e Avoton, faranno parte della futura piattaforma Bay Trail.

La piattaforma di processori Intel Atom Bay Trail che vedrà la luce il prossimo anno e andrà a sostituire gli attuali Clover Trail, comprenderà non una ma ben tre famiglie di prodotti: Valley View, destinata a device del settore consumer come tablet, smartphone e simili, Avoton, indirizzata invece ai micro-server e Rangeley, che si rivolge specificamente al mercato dei device dedicati alle telecomunicazioni come ad esempio gli switch ad alta densità. Rangeley sarà la prima famiglia di processori Atom a integrare fino ad 8 core x86.

A seconda dei modelli infatti queste CPU integreranno da 2 a 8 core Silvermont a 22 nm, con frequenze che raggiungeranno i 2.4 GHz. L'architettura inoltre sarà di tipo out-of-order come tutti i Silvermont, particolare che dovrebbe offrire prestazioni superiori del 35 % a parità di clock rispetto agli attuali Saltwell. Tra le funzioni di cui saranno dotati questi processori troviamo le istruzioni SSE4 e AES e la tecnologia di virtualizzazione VT-x. Ogni gruppo di due core condividerà una cache di secondo livello da 1 MB.

Intel Bay Trail e Valleyview

I processori inoltre avranno anche un controller di memoria di tipo DDR3 che supporterà fino a 64 GB di memorie DDR3 o DDR3L ECC a 1600 MHz. Tra le altre interfacce supportate dal controller integrato troviamo poi ancora quattro PCI Express 2.0 per un totale di 16 linee, USB, SATA e Gigabit Ethernet LAN. In particolare i sistemi con Rangeley dovrebbero avere 2 porte SATA 3, 4 SATA 2, 4 USB 2.0 e 4 Gigabit, mentre tra le porte legacy troviamo quelle di tipo LPC, UART, SMBus e SPI.

Tuttavia la vera novità di questo processore sarà il motore Crypto integrato, che implementerà la tecnologia Intel QuickAssist, capace di supportare diversi codici di cifratura, tra cui AES a 128, 192 e 256 bit, 3DES, DES e Kasumi. Crypto inoltre fornirà funzioni di identificazione, cifratura di chiavi pubbliche e un generatore di numeri casuali. Le performance di Crypto dipenderanno ovviamente da quelle del processore principale, per cui a seconda della velocità sarà possibile raggiungere anche i 10 Gbps per la cifratura tramite AES a 128 bit con 1 KB di buffer nei modelli top end.

A proposito di tale aspetto Intel prevede processori di fascia bassa, main stream e high end, questi ultimi avranno un TDP massimo di 20 W e supporteranno tutte le funzioni di cui sopra. Le versioni main stream invece avranno 4 core, un motore Crypto con un output di 5 Gbps e un TDP di circa 15 W. I processori entry level infine avranno solo 2 core, un controller di memoria single channel, 8 linee PCIe e saranno del tutto privi di motore Crypto o ne avranno una versione meno potente, limitata a un massimo di 2 Gbps. I TDP di questi modelli saranno compresi tra i 7 e gli 8 W. I processori Intel Atom della famiglia Rangeley dovrebbero essere lanciati nella seconda metà del 2013.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy