Home News Intel brevetta un sistema di sensori per monitorare la temperatura sul case

Intel brevetta un sistema di sensori per monitorare la temperatura sul case

ImagePotrebbe sembrare stravagante l'ultima idea partorita dagli ingegneri Intel: proteggere gli uomini da un potenziale rischio di sterilità dovuto all’eccessivo surriscaldamento provocato da un notebook tenuto in funzione sulle gambe.

La notizia, che proviene da una fonte attendibile quale il magazine online NewScientistTech, sembrerebbe avere fondamento in uno studio scientifico condotto dalla State University di New York, che ha dimostrato come i laptop possano presentare un potenziale rischio per la fertilità.

ImageMa forse non sarà questa l'unica motivazione che ha convinto il colosso di Santa Clara a tirare fuori dal cilindro un sistema di sensori per tenere sotto controllo la temperatura dello chassis dei notebook in modo da diminuire il calore percepito sulle gambe. L'idea, che è stata già tutelata con brevetto, prevede una serie di sensori che, a differenza dei sensori tradizionali, non rilevano la temperatura sulla CPU o sull'hard disk, ma l’eventuale calore che viene percepito all'esterno, ad esempio quando lavoriamo col notebook sulle gambe.

Questo in sintesi il contenuto del brevetto: rivestire la parte interna del fondo dello chassis dei notebook con una pellicola di materiale termocromatico (cambia colore al variare della temperatura). Una lampada illuminerà continuamente tale pellicola per consentire ad un sensore di catturare la luce riflessa e misurare il cambiamento di colore da verde (freddo) a rosso (caldo), attivando così via software un sistema di abbassamento della frequenza (throttling) della CPU che di conseguenza porterà ad una minore emissione di calore e quindi ad un abbassamento della temperatura della parte del notebook a contatto con il nostro corpo.

Chissà che quella che adesso sembra una trovata di dubbia utilità nella vita quotidiana, non possa rivelarsi, in futuro, una innovazione epocale. Del resto l'esperienza ci insegna che, in ambito tecnologico, idee anche più balzane di questa hanno trovato col tempo un inaspettato successo.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy