Home News Conosciamo meglio i nuovi Intel Atom T5500 e T5700 (Goldmont)

Conosciamo meglio i nuovi Intel Atom T5500 e T5700 (Goldmont)

Conosciamo meglio i nuovi Intel Atom T5500 e T5700 (Goldmont)Lanciati all'IDF 2016 di San Francisco, i nuovi chip Intel Atom T5500 e T5700 (basati su architettura Goldmont) sono al centro del SoM Intel Joule e decisamente più potenti dei vecchi Cherry Trail. Perché, cosa è cambiato?

I nuovi processori Intel Atom offrono prestazioni grafiche e velocità superiori ai chip di generazione Cherry Trail, che l'azienda ha lanciato nel 2015, ma come forse già saprete questi SoC non saranno più destinati a tablet, Mini PC e notebook. Il brand "Atom" verrà utilizzato per processori diretti ad apparecchi IoT, droni e robot ed un primo assaggio lo abbiamo avuto nel corso di IDF 2016 di San Francisco, dove Santa Clara ha lanciato i nuovi Intel Atom T5500 e T5700, componenti principali del nuovo SoM Intel Joule pensato per gli sviluppatori IoT.

Intel Atom T5500 e T5700

Ciò significa che gli Intel Atom saranno alla base della domotica, gestiranno e controlleranno gli elettrodomestici ed altri sistemi casalinghi, della robotica e di altri dispositivi "intelligenti", ma probabilmente abbandoneranno per sempre il settore mobile e ultramobile (tablet, smartphone e PC) lasciando così il posto agli Intel Celeron e Pentium della famiglia Apollo Lake.

Eppure, sembrerebbe che gli Intel Atom siano decisamente più potenti rispetto ad altri SoC: un Atom T5500 supera un Atom X5-Z8500 del 50% nell'elaborazione grafica e nella velocità di calcolo, ed è 10 volte più potente di un chip Intel Atom X34xx (Edison) su cui sono state basate le prime piattaforme di sviluppo per IoT.

Intel Atom T5500 e T5700

I nuovi processori Intel Atom T5500 e T5700 sono realizzati con la nuova architettura Intel Goldmont (proprio come Apollo Lake) e integrano un Intel HD Graphics Gen9 a basso consumo con supporto per l'accelerazione hardware di video 4K, codifica e decodifica in HEVC, H.264 e VP8. Stando a quanto riferito da Santa Clara, i nuovi chip offrono una larghezza di banda superiore dell'80% e possono gestire sensori fotografici con il 60% di pixel in più e frame rate più alti. Inoltre, supportano memorie eMMC 5.0, connessioni PCIe e interfaccia SCSI.

Se vi state chiedendo come Intel sia riuscita a ottenere maggiori prestazioni da questi ultimi Intel Atom, la risposta è semplice: il passaggio dall'architettura Silvermont a Goldmont è fondamentale, ma lo è ancor di più l'abbandono dei dispositivi mobile. In sostanza, i nuovi chip possono consumare più energia dei predecessori. Un esempio? I SoC Intel Atom, Celeron e Pentium di famiglia Silvermont, Cherry Trail e Braswell hanno un TDP compreso tra 4 e 6 watt, mentre i nuovi processori Goldmont hanno un TDP di 6-12 watt.

Intel Atom T5500 e T5700

Via: Liliputing

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy