Home Articoli Guida ai componenti della piattaforma Intel Santa Rosa

Guida ai componenti della piattaforma Intel Santa Rosa

ImageEsaminiamo in dettaglio i vari elementi che comporranno la prossima piattaforma Santa Rosa, basandoci sulle informazioni emerse nel corso dell'Intel Developer Forum di Pechino.

{multithumb}Ad un paio di settimane dal suo lancio ufficiale (previsto nella prima settimana di Maggio), non ci sorprende che i relatori dell'Intel Developers Forum 2007 (IDF), tenutosi fra il 17 ed il 18 Aprile a Pechino, si siano soffermati particolarmente nell'illustrare i componenti della piattaforma Santa Rosa, destinati ad equipaggiare i futuri notebook e desktop compatti SFF DTs (Small Form Factor Desktops).

Image Secondo le previsioni presentate da Shmuel (Mooly) Eden, direttore generale del Mobile Platforms Group presso Intel, entro la fine dell'anno, il 90% di tutti i notebook basati su piattaforma Centrino utilizzeranno i componenti Santa Rosa. Si stima, inoltre, che, nonostante i maggiori produttori mondiali presenteranno nuovi modelli di computer portatili in concomitanza con il lancio della nuova piattaforma, tuttavia il vero boom dei sistemi Santa Rosa si avrà solo due mesi dopo.

Come da noi anticipato, il nucleo principale della piattaforma Santa Rosa è costituito da processore Intel Core 2 Duo, chipset Intel Mobile 965 Express (aka Crestline, nelle tre versioni GM, PM, GL965), modulo di rete WiFi mini-PCIe Intel PRO/Wireless 4965AGN IEEE 802.11 a/b/g/n (Kedron) e Intel Gigabit Ethernet 82566MM/C. Sono poi previsti dei componenti opzionali, come l'Intel Turbo Memory (Robson), un modulo Wi-Fi ed una scheda di rete 3G UMTS/HSDPA, ma di questi solo il primo verrà effettivamente introdotto a Maggio.

Image

I primi processori della generazione Santa Rosa saranno gli Intel Core 2 Duo T7100, T7300, T7500, T7700, tutti con 4 MB di cache L2 e frequenze comprese fra gli 1.8 e i 2.4 GHz. Come gli attuali Intel Core 2 Duo, anche queste CPU saranno basate sull'architettura Merom, ma si distingueranno dai loro predecessori per un diverso fattore di forma, compatibile con il nuovo socket P della piattaforma Santa Rosa, e per la frequenza di BUS, che sale dai precedenti 667MHz a 800MHz. Continua...

Image

Il cuore della piattaforma Santa Rosa è costituito dal chipset intel Mobile 965 Express. Così come il suo predecessore (Intel Mobile 945), supporterà unicamente memorie a 533 e 667MHz: una brutta notizia per i patiti delle performance che dovranno attendere il 2008 per vedere le prime RAM a 800MHz sui notebook Centrino. Continua...

Image

Fra i componenti della piattaforma Santa Rosa sarà compreso anche il modulo Intel Wireless Wi-Fi Link 4965AGN che, come rivela il nome, si occuperà di gestire la connessione di rete Wi-Fi negli standard 802.11a, g e n. Continua...

Image

Intel Turbo Memory sarà il nome commerciale della tecnologia in precedenza conosciuta con il nome in codice Robson: composto da due memorie NAND Flash, un controller e un chip O-ROM (Option Read Only Memory), il modulo Intel Robson permetterà di sfruttare i sistemi ReadyBoost e ReadyDrive di Windows Vista per velocizzare le prestazioni del sistema. Continua...

Image

Contrariamente alle previsioni iniziali, secondo le informazioni emerse durante l'IDF 2007, la scheda WiMAX di Intel, nome in codice Dana Point, non verrà affiancata alla piattaforma Santa Rosa, ma verrà introdotta direttamente nel 2008 come componente della futura piattaforma Montevina. È previsto anche un modulo che combina WiFi and WiMAX, conosciuto sotto il nome Echo Peak. Continua...

Commenti (7) 

RSS dei commenti
bell'articolo che in sintesi raccoglie tutto smilies/smiley.gif :wink:  
0

harsan

aprile 26, 2007

..eh si, harsan :wink:
Come dice l'articolo, il nuovo modulo Intel Robson permetterà di sfruttare pienamente le nuove implementazioni di Windows Vista, che risulterà più veloce.
Non si sa se tale modulo convieve ed è compatible con i nuovi dischi rigidi ibridi o è alternativo.
Lo stesso dicasi per il nuovo tipo di memorie a 800 Mgh se saranno supportate dalla nuova piattaforma in futuro (ma pare proprio di no)  
0

alfonso60

aprile 27, 2007

no niente DDR2 a 800MHz, sembra che Intel voglia saltare direttamente alle DDR3 a 800MHz sulla piattaforma successiva, Montevina. Il perché è emerso chiaramente dall'IDF 2007, dove Intel ha mostrato una serie di slide comparative fra DDr2 e DDR3 a 800MHz. Se ci sarà modo vedro' di scrivere qualcosa al riguardo.
Circa Robson e hard disk ibridi credo che non siano astrattamente incompatibili ma possano essere in concreto poco utili: basta uno solo dei due per avvantaggiarsi della tecnologia ReadyDrive di Windows Vista.
Io la vedo cosi': l'importante con Windows Vista sarà avere un certo quantitativo di memoria allo stato solido. Per ottenerlo ci saranno diversi sistemi in modo tale da accontentare un po' tutte le tasche. Faccio una gerarchia secondo i loro costi, partendo dal sistema piu'economico:
1. memoria flash esterna (tramite tecnologia ReadyBoost)
2. Robson (ReadyBoost-ReadyDrive)
3. Dischi ibridi (ReadyDrive)
4. SSD, dischi allo stato solido

Ci saranno poi anche adattatori per schede di memoria, schede expresscard, etc...
Insomma l'importante sarà avere almeno un minimo quantitativo di memoria Flash  
0

Dgenie

aprile 27, 2007

Grazie Dgenie.
Io ponevo l'accento e l'attenzione sulle memorie, perchè al di là delle latenze sempre più alte con l'aumentare delle frequenze e della minima quantità necessaria per un discreto funzionamento di Vista (minimo 1 GB) ;
dai vari benck che lo stesso Vista ti propone, emerge che spesso l'elemento hardware con punteggio più basso e che condiziona quindi l'intero sistema è proprio la memoria.
Quindi da questo si deduce che le attuali memorie, al di là delle diffrerenze che ci sono nelle varie marche, NON appaiono completamente soddisfacenti per VISTA in termini di velocità.
Non so' se anche tu condividi tale osservazione.  
0

alfonso60

aprile 27, 2007

non ho visto questi bench,
comunque chi volesse ottenere le massime performance da un sistema portatile, senza badare all'autonomia, potrebbe rivolgersi su workstation mobili basate su chipset 965 Express per desktop, che supporta quelle memorie.
Girando per il sito puoi trovare almeno un paio di esempi di questi notebook.

Molto probabilmente il trend è verso una divaricazione fra performance e efficienza in ambito mobile  
0

Dgenie

aprile 27, 2007

Si le workstation mobili le ho viste nei precedenti articoli. Belle bestiole, per chi necessita, come me, di un desktop replacement, sembrano ottime.
I bench di cui parlo sono quelli che fanno gli utenti, nei vari forum, e che lo stesso sistemo operativa VISTA ti dà, attribuendoti un punteggio complessivo ed i singoli punteggi per le varie componenti hardware: scheda video, hard disk, memoria, ecc.
La valutazione complessiva della macchina viene data dalla componente col punteggio più basso.
Per quanto riguarda appunto le memorie, pur avendo 2GB, molto spesso ho lettto che è la componente alla quale viene dato il punteggio più basso e che condiziona il sistema.
Però. effettivamente, girando per il Web non ho trovato nessun articolo in merito e nessuno che ne parla.
E' proprio per questo che chiedevo: perchè io da questo deduco che VISTA richieda non solo una certa quantità di memoria, ma anche una certa qualità che oggi non è ancora presente. Come non erano presenti al momento del lancio di vista i diski ibridi e la nuova piattaforma con il modulo Robson.
Questo discorso ovviamente si riferisce non al fatto che VISTA non possa essere sfruttato ed utilizzato con le attuali memorie (e anche senza modulo Robson), ma, imho, al pieno godimento delle funzionalità e potenzialità di tale sistema operativo e per quello che è stato concepito.
In definitiva mi pare di capire che l'hardware attuale non sia adeguato alle effettive potenzialità che il nuovo sistema operativo richiede.
Però ti ripeto non ho nessun riscontro a tale ragionamento.  
0

alfonso60

aprile 27, 2007

ma quali sarebbero le potenzialità da richidere un giga di ram minimo ???
mi pare piuttosto uno sperpero voluto per obbligare ad aggiornare integralmente il proprio pc...
Ad ogni buon conto tra pochi giorni mi arriva un notebook con vista sopra e vedrò con i miei occhi se 1 giga non basti e se la spesa di altri 100 euro per un secondo banco ram sia necessaria smilies/smiley.gif  
0

benti77

maggio 16, 2007

Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy