Home News CeBIT 2010: G Data punta sulla sicurezza dei dati

CeBIT 2010: G Data punta sulla sicurezza dei dati

CeBIT 20101: G Data EndpointProtection25 anni fa, la Fiera di Hannover rappresentò la spinta per la costituzione di uno dei maggiori produttori mondiali di soluzioni per la sicurezza informatica, G Data. A distanza di anni, l’azienda è presente al CeBIT con i suoi innovativi prodotti.

Il focus di quest’anno è stato dedicato a G Data EndpointProtection, una soluzione corporate che non solo garantisce un’eccellente protezione dal malware, ma provvede anche ad aumentare la produttività e la sicurezza legale. G Data ha presentato, inoltre, la nuova generazione 2011 dei suoi software per l’utenza domestica.

G Data Antivirus 2010

Ancora una volta i 650 mq della G Data Arena sono stati al centro della sicurezza IT. Negli incontri organizzati ogni giorno con vari esperti, sono emersi argomenti interessanti come le ultime trappole, gli scenari di attacco contro il business, i pericoli del Web 2.0 e le modalità con cui i criminali online guadagnano denaro con il furto di dati.

G Data punta sulla sicurezza dei propri dati personali, soprattutto quando il notebook è preda di qualche ladro. Ma quali sono i consigli ed i suggerimenti dell'azienda tedesca? Non ci si dovrebbe mai fidare di collegamenti Internet poco sicuri, perché i ladri di dati possono nascondersi proprio dietro accessi WLAN gratuiti e quindi avere libero accesso ai nostri dati. Prima di ogni viaggio di affari è dunque opportuno fare un back up dei propri dati e crittare qualsiasi informazioni contenuta su dispositivi mobili. I dati personali e quelli aziendali hanno, infatti, un certo valore sul mercato nero della cosiddetta economia underground. Non bisogna poi mai perdere di vista i propri dispositivi mobili. 

1. Fare un back up
Prima di partire per un viaggio fare un back up di tutti i dati più importanti. Poi, se il peggio dovesse accadere, si sarà in grado di recuperare il lavoro perso con il minimo sforzo.

2. Igiene e pulizia dei dati
Considerare se davvero bisogna tenere tutti quei dati archiviati sul proprio laptop o telefono cellulare durante i viaggi di lavoro. Fare un back up e/o cancellare i dati di cui non si ha effettivamente bisogno. 

3. Crittazione dei dati
Perdere un costoso telefono cellulare o un laptop è fastidioso, ma il danno che può essere generato dalla perdita di dati sensibili e senza dubbio maggiore. È consigliabile quindi utilizzare un adeguato tool di crittazione dati o perlomeno la funzione Bitlocker, presente in windows Vista e Windows 7.

4. Attenti ai propri dispositivi
Gli oggetti lasciati incustoditi sono una facile preda per i ladri occasionali. È opportuno pertanto proteggere il proprio notebook utilizzando un apposito cavo di ancoraggio e portare sempre con sé chiavi USB e telefono cellulare togliendoli dalla loro custodia solo per il tempo necessario.

5. Evitate WLAN pubbliche non sicure
Non è certo una grande spesa per chi vuole rubare trasformarsi in un hotspot gratuito per offrire un servizio di collegamento ad Internet. In questo modo i criminali possono infatti accedere ai dati personali degli utenti connessi. Dove è possibile sarebbe meglio servirsi di un un tunnell VPN o di una connessione UMTS in modo tale da rendere più difficile la possibilità di intercettare i propri dati.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy