Home News Test: ASUS FonePad Note 6 vs Samsung Galaxy Note 3

Test: ASUS FonePad Note 6 vs Samsung Galaxy Note 3

ASUS FonePad Note 6 vs Samsung Galaxy Note 3ASUS FonePad Note 6 e Samsung Galaxy Note 3 sono due dei phablet più interessanti di questa generazione, ma sono basati su due piattaforme completamente differenti. ASUS infatti ha scelto un processore x86 come l'Intel Atom Z2580, mentre Samsung utilizza un Qualcomm Snapdragon 800, uno dei SoC ARM più performanti sul mercato. Quale dei due phablet offrirà le prestazioni migliori?

Quando esordì il primo Samsung Galaxy Note il concetto di phablet e la relativa nicchia di mercato ancora non c'erano, e non erano pochi a considerare il device coreano un'eccentricità destinata a non durare, restando perplessi dinanzi al modo d'uso che proponeva. Oggi invece sappiamo che i phablet stanno diventando sempre più popolari, attirando dunque tutti i maggiori produttori, in cerca di un "posto al sole" nel suo mercato, sempre più promettente.

 

ASUS FonePad Note 6

Samsung Galaxy Note è intanto giunto alla terza generazione, mentre l'ASUS FonePad Note 6 è una new entry, entrambi però offrono caratteristiche tecniche di alto livello benché abbiano imboccato strade diametralmente opposte. Il phablet taiwanese inoltre costa 349 euro, ben 300 euro in meno del competitor e, visto che uno fa uso di un SoC ARM mentre l'altro ha adottato un processore Intel Atom, è normale chiedersi quale delle due sia la scelta migliore. I colleghi tedeschi di Tab Tech hanno svolto dunque una serie di test approfonditi, volti a verificare quale delle due soluzioni sia la migliore, ma prima di procedere ricordiamo brevemente la scheda tecnica di entrambi i phablet.

SAMSUNG GALAXY NOTE 3
Display: Super AMOLED 5.7 pollici 1920 x 1080 pixel (387 PPI) con supporto alla S Pen
Processore: Qualcomm Snapdragon 800 (quad core Krait 400 da 2.3 GHz e GPU Adreno 330)
RAM: 3 GB
Memoria interna: 32 o 64 GB espandibile
Connessioni: Bluetooth 4.0, GPS/GLONASS, NFC, 4G-LTE classe 4
Porte: 1 MHL (utilizzabile per connettersi sia a USB che HDMI)
Fotocamera: 13 Mpixel con auto focus, stabilizzatore delle immagini, flash LED e capacità di catturare video 4K (3840 x 2160 pixel) a 30 FPS o 1080p a 60 FPS
Sistema operativo: Google Android 4.3 Jelly Bean con interfaccia proprietaria TouchWiz
Batteria: 3200 mAh

ASUS FONEPAD NOTE 6
Display: Super IPS+ 6 pollici 1920 x 1080 pixel (367 PPI) con supporto a stilo digitale
Processore: Intel Atom Z2580 (dual core Clover Trail+ da 2 GHz e GPU PowerVR SGX 544MP2)
RAM: 2 GB
Memoria interna: 16 o 32 GB espandibile
Connessioni: Bluetooth 3.0, GPS/GLONASS, NFC, 3G
Porte: 1 microUSB
Fotocamera: 8 Mpixel con auto focus
Sistema operativo: Google Android 4.2.2 Jelly Bean
Batteria: 3200 mAh

L'ASUS FonePad Note 6 (avete visto l'unboxing?) è anzitutto più grande, spesso e pesante e ovviamente presenta alcune caratteristiche di livello inferiore, come ad esempio una scocca dalla fattura più economica, la quantità di RAM o di memoria interna, entrambe minori rispetto a quelle integrate dal Samsung Galaxy Note 3, la versione del sistema operativo, inferiore e la risoluzione della fotocamera posteriore, comunque sorprendentemente buona. Alla fine però quello che conta maggiormente è l'esperienza d'uso. I colleghi hanno dunque eseguito la classica suite di test composta da Quadrant, AnTuTu, GFX Bench e GeekBench che ha evidenziato come lo Snapdragon 800 sia sempre davanti all'Intel Atom, anche se con distacchi più o meno significativi a seconda dei test.

Quello che stupisce invece è che durante l'uso quotidiano, al di là dei punteggi dei benchmark e l'apparente divario tra le due piattaforme, il phablet taiwanese risulti migliore di quello coreano. I giochi supportati infatti girano in maniera fluida e l'interfaccia e le app sono sempre apparse reattive e prive di impuntamenti, cosa che invece non sempre si verifica con il Samsung Galaxy Note 3. Alla fine dunque, nonostante tutto, i colleghi sono stati ottimamente impressionati dall'ASUS FonePad Note 6, che offre un buoncompromesso tra prezzo e prestazioni e si segnala dunque come una soluzione estremamente interessante e conveniente, dimensioni e peso a parte.

Commenti (0) 

RSS dei commenti
Scrivi un commento
Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.

busy